martedì 1 ottobre 2019

#RileggiamoConVoi - Ottobre 2019

Il centro di Pavia a fine settembre - foto di ©GloriaGhioni

Buongiorno lettori! 
Eccoci a ottobre: tempo di tirare fuori i plaid e le tisane per accompagnare le nostre letture al calduccio! 
Abbiamo proprio scelto di accompagnarvi nell'autunno con alcuni libri che sono la perfetta compagnia di chi vuole concedersi un po' di evasione tra il primo freddo mattutino, gli impegni incombenti e le tante uscite editoriali.
Come sempre, insieme al consiglio trovate i link ai nostri articoli, per scoprire se il libro fa al caso vostro.

Buona lettura! 
La Redazione


***


Carolina consiglia:
"Il giardino dei mostri" di Lorenza Pieri (e/o) 
Leggi la recensione
Compra il libro 
Perché: è un romanzo articolato e ricco, ma allo stesso tempo di gradevolissima lettura, che riesce a mostrare, attraverso le storie intrecciate di due famiglie, il volto di un'Italia che cambia. E perché lo fa raccontandoci di un'artista straordinaria, celebrando il coraggio di chi - anche in tempi in cui su tutto sembrano prevalere le ragioni del denaro - riesce a coltivare una bellezza inutile e gratuita.
A chi ama Niki de Saint Phalle e ogni volta fantastica di fronte alle sue opere; a chi ha visitato il Giardino dei Tarocchi e si è interrogato circa le sue origini (e a chi non l'ha fatto, nella certezza che dopo la lettura sentirà l'urgenza di rimediare). Agli amanti dei romanzi di formazione, le biografie artistiche, e una prosa tersa e limpida.

Cecilia consiglia: 
"Scarpe. Storia, stili, modelli, identità" di Elizabeth Semmelhack (Odoya)
Perché: perché l'autunno è arrivato e fino alla prossima estate bisognerà rinunciare alla bella sensazione della sabbia o dell'erba tra le dita dei piedi nudi: il libro di Elizabeth Semmelhack è la lettura perfetta per rassegnarsi alla necessità di indossare per un bel po' di mesi le scarpe chiuse, riuscendo a farci vedere stivali, tacchi e sneakers attraverso il filtro affascinante della loro storia; avvolti nel tepore delle coperte e con la tazza fumante in mano potremmo persino ritrovarci a guardare con simpatia i nostri nuovi calzettoni, certi di avere detto solo un arrivederci agli amati sandali 
A chi: a chi spende tutti i propri soldi in libri e in calzature, e in entrambi i casi pensa che non siano mai abbastanza; a chi starebbe sempre scalzo e non capisce come si possano investire cifre da capogiro per le proprie estremità inferiori o addirittura trattare gli acquisti alla stregua di preziosi francobolli; a chi ama e studia la moda e i fenomeni di costume, soprattutto perché siamo nel pieno delle fashion weeks e nella borsa di ogni veterana ci sono due cose che non possono mancare: 1) un paio di scarpe comode di ricambio 2) un bel libro per ingannare le lunghe attese.

Claudia consiglia:
"I ragazzi della Nickel" di Colson Whitehead (Mondadori)
Leggi la recensione
Leggi la cronaca dell'incontro con l'autore
Compra il libro
Perché: di Colson Whitehead hanno scritto che è l"America's Storyteller" che scavando nel passato porta i lettori in un presente difficile. È un autore che riesce a maneggiare con cura una materia che pochi sanno trattare: il tempo. Lo conosce, ne conosce il ritmo e l'anima. E con i suoi libri i lettori ne fanno esperienza.
A chi: a chi ama la letteratura americana, soprattutto quella che affronta i temi più dolorosi, le pagine storiche che presentano ferite. Si innamoreranno di questo romanzo su un luogo maledetto la cui terra cerca di sotterrare chi ci è passato.

Debora consiglia: 
"Il cardellino" di Donna Tartt (Rizzoli)
Perché: sta per uscire (il 17 ottobre) la trasposizione cinematografica del capolavoro di Donna Tartt, il romanzo che le è valso il Pulitzer e quale occasione migliore delle prime giornate d'autunno, per immergersi totalmente in una storia ricchissima e coinvolgente? Un romanzo monumentale, che ha il sapore del thriller e l'anima da Bildungsroman, da leggere con calma, in queste giornate che si fanno via via sempre più autunnali 
A chi: ama i "romanzi-mondo", perché quello creato da Tartt è un capolavoro universale, che racchiude innumerevoli tematiche, spunti di lettura, riflessioni, retti da una trama avvincente e una scrittura perfetta. A chi non si fa spaventare dalla mole del libro, ne rimarrà conquistato. A chi si prepara a vedere i personaggi prendere vita sul grande schermo. A chi ama l'arte, New York, l'autunno, le storie e gli incontri che regalano connessioni inaspettate.

Federica consiglia: 
"Nuovo dizionario affettivo della lingua italiana" a cura di Matteo B. Bianchi e Giorgio Vasta (Fandango)
Leggi la recensione 
Compra il libro
Perché: con l'inizio delle prime giornate autunnali da trascorrere chiusi in casa, si ha l'esigenza di non interrompere la catena di scoperte iniziata con la vita all'aria aperta tipica dell'estate. Quale viaggio migliore se non quello compiuto grazie alla letteratura? E dato che le opere letterarie sono fatte di parole, con questo inedito elenco di lessemi si ha la possibilità di godere della lettura in un modo tutto particolare senza perdere il potere immaginifico offerto da un'opera di narrativa tradizionale. A chi: non riesce mai a placare la propria sete di curiosità e si sente imbrigliato dall'immobilità a cui la brutta stagione costringe; a chi vuole sapere di più sui propri autori del cuore o vuole scoprirne di nuovi; a chi ama la lingua italiana e tutto il mondo che essa genera con la sua forza.

Giulia consiglia:
"Magia nera" di Loredana Lipperini (Bompiani)
Perché: con l'arrivo dell'autunno e la tenebrosità di Halloween già nell'aria, bisogna iniziare ad entrare nello spirito. I racconti di Loredana Lipperini, al limite tra il reale, l'immaginazione e il magico non-spiegabile sono perfetti per le atmosfere delle lunghe sere nebbiose che ci aspettano. Come nella prosa di Shirley Jackson, è la vita stessa a farci deglutire sul finale dei racconti. A farci paura non sono le cose al di là del velo, ma quelle che troviamo tutti i giorni accanto a noi.
A chi: a chi ama il sovrannaturale e l'horror, ma con moderazione. Nulla che una tisana ben calda e un rincalzo di coperte non possa scacciare.

Gloria consiglia:
"I Testamenti" di Margaret Atwood (Ponte alle grazie)
Leggi la recensione
Compra il libro
Perché: con il primo freddo è bello concedersi qualche ora di pace con un plaid, una tisana e un buon libro e questo è un romanzo completamente immersivo, che ci trascina con prepotenza nel mondo creato da Margaret Atwood, in cui la gerarchia vige padrona, ma in cui si avvertono i primi vacillamenti del sistema...
A chi: a chi ha letto Il racconto dell'ancella e sta aspettando da anni il seguito; ma anche a chi si è immerso nelle atmosfere della serie tv e spera di vedere una svolta, finalmente, per la povera June. E infine a chi vuole un romanzo pieno di colpi di scena, che affonda nel distopico per raccontare una realtà che richiama - purtroppo - alcuni tratti del nostro presente.

Sabrina consiglia: 
"Berta Isla" di Javier Marías (Einaudi)
Perché: è un libro che non si dimentica... un romanzo che parla d’amore a partire dal vissuto di un’assenza. Un libro intenso, forte che porta il lettore a non giudicare, ma a identificarsi, a parteggiare per i protagonisti, per entrambi, sia Berta, in perenne attesa, che Tomàs, messo davanti a una scelta difficilissima. Scritto e costruito in maniera magistrale, Berta Isla coinvolge e stupisce. 
A chi: a chi ama leggere romanzi che scavino nella profondità dell’essenza umana e a chi non ha paura di essere messo davanti a domande scomode: chi è davvero la persona che ami? Sei sicuro di conoscerla nel profondo?