domenica 10 novembre 2019

#CritiMusica - Bruce Springsteen & Atlantic City: un viaggio rock nel cuore degli U.S.A.

Bruce Springsteen & Atlantic City
di James Pettifer 
Traduzione di Valentina Misgur
Odoya, 2019 (collana Odoya cult music)

pp. 267
€ 20 (cartaceo)

Tutto muore, piccola, è un dato di fatto, ma forse tutto ciò che muore un giorno farà ritorno. truccati, sistemati i capelli e incontriamoci stasera ad Atlantic City. (Atlantic City - Bruce Springsteen)
Sul rocker Bruce "The Boss" Springsteen sono stati versati letteralmente fiumi di inchiostro, ma se dovessi riassumere tutta la venerazione che nutro per questo neo settantenne (e come me milioni di altri fans in tutto il mondo), non potrei fare a meno di citare la frase pronunciata dall'ex Presidente degli Usa, Barack Obama, mentre consegnava un premio al cantante:
Ho scelto di fare il presidente degli Stati Uniti solo perché non potevo essere Bruce Springsteen.
Bruce Springsteen nacque il 23 settembre del 1949 nella contea di Monmouth, nel New Jersey da Adele Ann Zirilli, di origine italiana, e da Douglas Frederick, di ascendenze irlandesi e olandesi, ma  trascorse l'infanzia e l'adolescenza nella cittadina di Freehold.
Cantante, chitarrista, scrittore, compositore, vincitore del Premio Oscar per la magnifica canzone Streets of Philadelphia... Tante definizioni, ma nessuna che riesca a racchiudere tutta l'essenza di questo grandissimo, talentuoso artista, nessuna che riesca a mettere davvero a fuoco "The Boss".
Viaggiare e cercare sono al centro di quel che è stato il Sogno Americano e per molte persone, negli ultimi quarant'anni, Bruce Springsteen si è rivelato fondamentale per capire i mutamenti della società americana, attraverso il prisma musicale del New Jersey (p. 10).
Il libro Bruce Springsteen & Atlantic City (Odoya, 2019), scritto da James Pettifer e avente ad oggetto una bella analisi della tournée mondiale realizzata tra il 2007 e il 2008, pare volerci ricordare che la storia di Springsteen non può essere dissociata città che ha dato il suo nome anche alla canzone Atlantic City contenuta nell'album Nebraska, uscito nel 1982.

Il percorso esistenziale e musicale del Boss, perciò, si snoda attraverso tutto il libro parallelamente alla descrizione di una serie televisiva che, per l'autore, è emblematica per comprendere appieno le dinamiche dello stato del New Jersey, I Soprano: incentrata sul personaggio del boss italo americano Tony Soprano, le vicende "lavorative" dell'uomo si alternano ai suoi frequenti attacchi di panico, in una schizofrenica e tragicomica successione di circostanze che hanno assicurato alla serie numerosi premi e riconoscimenti:
Il New Jersey e i suoi abitanti non godono sempre di una buona stampa, in America come altrove. È lo stato il cui nome è una metafora di criminalità e corruzione e la miglior serie crime mai fatta in televisione, I Soprano, non ha aiutato. Eppure rimane un labirinto ambiguo, lo stato più affollato dell'Unione, una confusa e interminabile urbanizzazione selvaggia agli occhi dei suoi critici, un fermento di vita e di creatività visto dagli amici, un'incomprensibile selva di strade che si incastrano senza indicazioni o il percorso chiaro e dominante della Turnpike, un'espressione del potere della Guerra Fredda americana e della modernità dei trasporti (pp. 22-23).
Supportato da un ricco corredo fotografico, il libro prosegue a metà tra saggio, racconto di viaggio e biografia, mentre il lettore ha l'impressione di addentrarsi fisicamente tra le strade di Atlantic City, di camminare tra le parole delle canzoni e di respirare le atmosfere americane.

La biografia di Springsteen sembra alle volte quasi solo un pretesto per descrivere la fisionomia di una città, di una nazione dai mille volti, le sue coste, la sua storia, persino i suoi vizi:
Questa è una nazione di giocatori, il destino attraverso i numeri, scommettere è necessario per essere un americano, e tutto ciò fa parte del processo competitivo americano per ottenere un biglietto e guardare il Boss, concentrare gli occhi dritti su di lui, stringerlo in uno sguardo vizioso. Sarebbe da rammolliti non provarci, i miei occhi blu stagionati sui suoi capelli di abete rosso stagionati. Io sono nato nell'aprile 1949, lui è nato nel settembre 1949. Siamo della stessa classe. Adesso, alle 16.45 non ci sono molte persone ad aspettare, forse entreremo tutti. Forse essere un supplicante in un santuario del Jersey non è male come potreste pensare (p. 43).
Continuare a raccontare ancora la vita di The Boss come viene narrata in questo libro, significherebbe svelare al lettore la visione di Atlantic City, i segreti di una città la cui storia recente è inscindibilmente connessa alle canzoni e alle gesta di uno dei rocker più talentuosi, poliedrici e musicalmente prolifici che gli Stati Uniti e il mondo abbiano mai conosciuto.
Bruce Springsteen & Atlantic City costituisce, perciò, un ottimo testo sia per gli ammiratori del cantante che per coloro che vogliono ancora approfondire la sua storia.

Il valore aggiunto del libro, però, risiede nell'ottima analisi sociale del New Jersey: contestualizzare la storia di Bruce Springsteen attraverso i luoghi nei quali è nato e cresciuto e in una delle città-simbolo della sua musica, può rappresentare una chiave di lettura insolita per le sue canzoni, canzoni che continuano incessantemente a parlare ai milioni di fans in tutto il mondo. 
Sia gli ammiratori del Boss che coloro che finora hanno ascoltato distrattamente le sue parole si sorprenderanno e avranno presto voglia di compiere un vero e proprio pellegrinaggio nel cuore degli Stati Uniti d'America, nella culla del rock.

Ilaria Pocaforza
Visualizza questo post su Instagram

Chi non conosce il rocker Bruce Springsteen? Chi non ha mai ascoltato e cantato una delle sue mille, bellissime canzoni? Se credete di conoscere tutto su "The Boss", rimarrete stupiti dalla lettura di "Bruce Springsteen & Atlantic City": l'analisi della tournée mondiale realizzata tra il 2007 e il 2008 è solo lo spunto per raccontare l'anima di un cantante legato indissolubilmente alla sua terra. La nostra redattrice Ilaria Pocaforza @ila_poc si é occupata di questo bel volume pubblicato da Odoya @odoya_edizioni. Non perdete la recensione in arrivo sul sito! 🎶🎶🎶 #libro #book #instalibro #instabook #leggere #reading #igreads #bookstagram #bookworm #booklover #bookaddict #bookaholic #libridaleggere #librichepassione #libricheamo #criticaletteraria #recensione #review #recensire #recensireèmegliochecurare #brucespringsteen #rock #usa #odoya #musica #staytuned

Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: