lunedì 25 marzo 2019

Quanto è difficile cedere ai propri desideri proibiti? L'esordio di Gianmarco Soldi, tra thriller psicologico e romanzo di formazione

Cosa resta di Male
di Gianmarco Soldi
Rizzoli, 2019

pp. 330
€ 18 (cartaceo)
€ 9,99 (ebook)


Un noir?, mi sono chiesta all'inizio, stringendo tra le mani Cosa resta di Male, perché i colori della copertina potrebbero essere perfetti, così come il titolo, se non fosse per quella maiuscola... Sì, perché Male sta per Malena, una ragazzina dall'aria misteriosa e con un grande segreto, una ragazzina che cambierà per sempre l'esistenza dell'adolescente Amato Zago. O forse la sua vita è cambiata quando, da bambino, la cuginetta Gioia ha schiacciato con la scarpa una lucertola e, dopo avergli ricordato che tutti prima o poi dovremo morire, gli ha imposto di baciarle il piede, "come a una principessa". Allora qualcosa si è rimescolato nel sangue di Amato che, ingenuamente, ha iniziato a chiedersi se fosse una brutta cosa amare tanto i piedi delle bambine prima e delle ragazze poi. Un segreto, insomma, un doppiofondo che Amato ha cercato di nascondere il più possibile, un po' per vergogna, un po' per paura di essere anormale per la sua ossessione, sempre più difficile da contenere negli anni della pubertà.
Poi è arrivata Male: magra, sempre vestita di nero, con felpe enormi in cui cerca di celare la sua femminilità, con la sua amicizia è riuscita a catalizzare quasi tutta l'attenzione di Amato, e a suscitare così gelosia negli amici di sempre, Claudio e Klejdis. Almeno finché Male non scompare all'improvviso, i suoi genitori lasciano la città e lei saluta Amato senza tante cerimonie. È difficile ricominciare, perché lei è rimasta il metro di paragone per ogni incontro futuro e la paura dell'abbandono si affaccia più volte nel giovane Amato, comunque determinato a trovare la sua felicità. Che sia con la bella e studiosa Alice, come da sempre sostiene suo padre? O con qualche altra compagna di classe?
Il zigzagare sentimentale di Amato si interrompe quando, senza preannunciarsi, riappare Male: cambiata, più grande, ma ancora interessata a lui. Se da un lato l'attrazione è bruciante, dall'altro Amato cerca di scoprire cosa le sia accaduto per andarsene tanto di fretta. Ma Male fa di tutto - di tutto - per scacciare le domande e far sì che il protagonista la ami. Anche se il passato ha gettato ombre tali da rovinare per sempre il futuro di Malena...

Ecco che così, con estrema piacevolezza, il romanzo vira dal romanzo di formazione e iniziazione sessuale verso il mistero. Effettivamente Gianmarco Soldi ha scelto per esordire una storia composita, che porta avanti con una bella scrittura, tutt'altro che banale, per una storia a tratti tanto fresca da sentirvi risuonare la nostra adolescenza, a tratti fosca e tormentosa: è proprio attraverso questa altalena di emozioni che si arriva a un finale non scontato, che si attende con la suspense degna di un thriller psicologico.

GMGhioni







Dalla copertina e dal titolo pare un noir... e invece no! Non lasciatevi trarre in inganno: #CosaRestaDiMale è una storia di formazione tutt'altro che noir. Male è semplicemente il soprannome di una ragazzina, Malena, in grado di cambiare per sempre la vita del protagonista, Amato (altro nome decisamente impegnativo). Ci avete mai fatto caso? Nei primi anni della nostra vita, ci sono persone che scavano ricordi eterni, in grado di condizionarci o di influenzarci anche da adulti. E, a pensarci bene, ci sono a volte gesti minuscoli, razionalmente sciocchi, che restano invece indelebili. @gloriaghioni sta leggendo questo romanzo con grande curiosità, perché la scrittura di #GianmarcoSoldi avvolge anche i lettori nella storia dei suoi protagonisti. Presto la recensione sul sito! #Rizzoli #CriticaLetteraria #bookstagram #bookish #inlibreria #coloriaolio #book #books #instalibri #instabook #bookaday
Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: