sabato 29 dicembre 2018

L'unione fa la forza, e la forza è femmina: la luce di venti donne che fecero fare la storia

Storie di grandi uomini e delle grandi donne che li hanno resi tali
illustrazioni di Susanna Gentili
testi di Roberta Balestrucci Fancellu
Hop Edizioni, 2018

pp. 128
€ 15,00

Oggi come ieri, gli uomini di successo sembrano incarnare il non plus ultra della desiderabilità: geniali, estrosi, acuti, brillanti, sempre in cima alle classifiche dei rispettivi settori di elezione. Belli e intensamente luminosi, dunque, ma… con quale percentuale di autonomia? In quanti e quali casi, difatti, si tratta di un’emanazione radiosa del tutto spontanea e non di un riflesso proiettato dalla presenza di una compagna di vita affatto subalterna? Sosteneva Virginia Woolf che «dietro ogni grande uomo c’è una grande donna». Beh, il commento che state leggendo non le darà certo torto, pur ammettendo le ovvie eccezioni a quella che ha ormai innumerevoli prove e ragioni per vantare lo statuto di regola. E proprio questo, guarda caso, è il fil rouge che tiene insieme anche le storie raccontate da Roberta Balestrucci Fancellu e illustrate da Susanna Gentili nell’ultimo volumetto pubblicato da Hop! Edizioni all’interno della neonata collana “Speriamo che sia femmina” della sezione “Hoppini”, curata da Davide Calì e destinata al pubblico più giovane: Storie di grandi uomini e delle grandi donne che li hanno resi tali. Venti racconti mignon, uno per ciascuna coppia, per un totale di quaranta personaggi – anzi trentanove, dal momento che uno è un alter ego di pura fantasia… – accomunati dal fatto che i destini di gloria dei celebri artisti, accademici o politici di cui si parla non avrebbero potuto compiersi senza il ruolo svolto dalle loro insostituibili madri, mogli e amanti.

È un ottimo lavoro quello compiuto da Roberta Balestrucci Fancellu e Susanna Gentili: la prima, che lavora al Centro Servizi Culturali di Macomer in provincia di Nuoro e nel 2014 ha fondato Conta e Cammina, il primo festival sulla legalità, ha già dimostrato una peculiare inclinazione per questa tipologia di volume, pubblicando con Beccogiallo la biografia a fumetti di Ken Saro (2018); la seconda, che ha studiato tra Roma e Milano laureandosi in Grafica Editoriale e specializzandosi nell’illustrazione per magazines e libri, è invece alla sua opera prima, sebbene forte delle collaborazioni con (tra gli altri) «Il Corriere della Sera», «24 ORE Cultura» e «The New York Times». Nel selezionare venti casi in cui le magnifiche sorti di uomini di spettacolo, di scienza e di cultura si siano avverate grazie ai suggerimenti o ai veri e propri contributi pratici delle donne al loro fianco, le due autrici sono riuscite a compiere un esercizio di sintesi efficace, scongiurando il pericolo di un risultato finale altrimenti striminzito. Così, se nella redazione dei testi viene sempre privilegiata la trovata geniale o l’apporto decisivo delle figure femminili, le tavole si accordano offrendone ogni volta un ritratto a mezzo busto e dando forma e colore a cose e situazioni destinate a diventare correlativi oggettivi dei vari sodalizi. Un dialogo perfetto tra parola e immagine, dunque, grazie al quale il leitmotiv del libricino viene continuamente ripetuto senza risultare scolastico o ridondante.

Difficile decretare la storia che avrà maggiori probabilità di imprimersi nella memoria del pubblico più giovane, e forse questo, oltre che dalle preferenze personali, dipenderà anche dalle esperienze pregresse al momento della lettura. Forse in pochissimi, per esempio, avranno visto i film di Alfred Hitchcock, e quindi ancora non saranno in grado di apprezzare il ruolo della consorte Alma Reville, a cui si deve la celebre scena dell’omicidio sotto la doccia in Psyco, ma certamente tutti conosceranno il topo più famoso dei cartoon, e ringrazieranno Lillian Marie Bounds in Disney per avere convinto il marito Walt a battezzarlo Mickey e non Mortimer Mouse! In ogni caso non importa quanto di già noto i giovani lettori e le giovani lettrici ritroveranno tra le pagine. Anzi: questa carrellata avrà avuto tanto più senso quanto più avrà stimolato il desiderio di sapere di più, e soprattutto quanto più avrà avvalorato la convinzione che essere la compagna di un uomo (divenuto) illustre non è affatto un premio di consolazione, e che rivendicare il ruolo di musa (Alice Prin detta Kiki de Montparnasse) non impedisce di fondare case di produzione cinematografica (Elvira Coda in Notari), avere intuizioni scientifiche clamorose (Mileva Marić), rivoluzionare stili fotografici (Margrethe Mather), pittorici (Peggy Doris Hawkins) e teatrali (Marta Abba) e addirittura decidere gli equilibri diplomatici internazionali (Rose Kennedy). 

Storia di grandi uomini e delle grandi donne che li hanno resi tali è certamente il libro perfetto da regalare a bambini e bambine che si vogliono educare alla parità di genere con spontaneità e senza pericolosi indottrinamenti. Un pregio del libro è proprio quello di fare uscire dall’ombra figure femminili a lungo ingiustamente sottovalutate senza per questo proiettare lampi sinistri sulle controparti maschili. Se è vero che spesso queste storie affondano le loro radici nelle paludi sempre stagnanti di un patriarcato ammuffito, il messaggio di fondo è che le cose migliori, in ogni settore, nascono sempre dalla collaborazione, dallo scambio, dalla condivisione. Poi, ovvio: sarebbe inutile negare che certi uomini, senza certe donne a loro fianco, non avrebbero mai raggiunto risultati così virtuosi. Ma in tanti casi non è forse vero anche il contrario? Brave dunque le due autrici e brava ancora una volta Hop! Edizioni, che dimostra la forza comunicativa e non solo estetica dei suoi libri illustrati, sempre pieni di brio, idee e spunti di riflessione.

Cecilia Mariani




Questa pur abbondante colazione non basterebbe certo a soddisfare il fabbisogno calorico delle 20 wonder women di cui parlano Roberta Balestrucci Fancellu @robertabalestrucci e Susanna Gentili @susannazuzygentili nell'ultimo volumetto pubblicato da Hop Edizioni @hopedizioni, ma almeno basterà alla nostra redattrice Cecilia Mariani per recensire con cura un libricino della neonata collana "Hoppini" (curata da Davide Calì @davidecali_artdirector) che ribadisce un concetto già chiarissimo a Virginia Woolf: "dietro ogni grande uomo c'è sempre una grande donna". Non perdete il commento, presto sul sito! 👫👫👫👫👫 #libro #book #instalibro #instabook #leggere #reading #igreads #bookstagram #bookworm #booklover #bookaddict #bookaholic #libridaleggere #librichepassione #libricheamo #criticaletteraria #recensione #review #recensire #recensireèmegliochecurare #storiedigrandiuominiedellegrandidonnechelihannoresitali #hop #hopedizioni #hoppini #robertabalestruccifancellu #susannagentili
A post shared by CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) on