martedì 17 gennaio 2012

Pagine oltre il dolore

Alcune parole per Alice
di Michele Toniolo
Galaad Edizioni, 2011

€ 5
pp. 48


«Accade che a volte, quando sa che resta, una malattia ti prepara da subito, vuole che tu la conosca» (p. 19)

Poco più di un racconto, quasi un requiem, questa quarantina di pagine che l’anonimo io narrante dedica ad Alice, madre che accompagna la malattia del figlio, l’ictus che – quasi innominato, più volte alluso, ma onnipresente nel tessuto narrativo – travolge e stravolge quella personalità che era convinta di conoscere a memoria. E il narratore capisce che per ricostruire l’approssimarsi della morte, unico processo che interessa ad Alice («Solo la morte interessa ad Alice, la modalità della morte. Il modo in cui essa si presenta», p. 12), non si può procedere per un narrare disteso, né per episodi, perché ci sono solo continui strappi, violenti peggioramenti e ancor più crudi dubbi che assillano. Dunque non si può avanzare che per parole-chiave, scandite dal narratore onnisciente, o meglio padrone e orchestratore solo di quella parte di realtà che Alice decide di condividere. Il narratore si fa allora mediatore di una verità che si può portare sulla pagina per riflessioni e sincopi, tra raziocinio e amore innato. E così le parole delitto, autunno, debolezza, croce, amore, salvezza, fuoco, colpa…  si spogliano del significato letterale, per assumere una connotazione personale, in questa lotta a tratti feroce, a tratti arrendevole. 
Possibile o impossibile reagire alla malattia di un nostro caro? E come? Non si pensi che in queste poche pagine si trovi una guida; ma un’Esperienza, sporca di quell’amore che a volte porta a trasfigurare la realtà, a costo di negare i fatti, come si scoprirà nelle ultimissime pagine.
Struggente, condivisibile fino alle lacrime: un passaggio per la malattia in punta di piedi. Per gli spiriti più sensibili. 

Gloria M. Ghioni