mercoledì 2 settembre 2020

Alle prese con l'insensatezza dell'esistenza: la guida (im)morale di Lulu Miller


I pesci non esistono
di Lulu Miller
traduzione di Luca Fusari
add editore, 2020

pp. 216
€ 16,00 (cartaceo)
€ 8,99 (ebook)

[David Starr Jordan] Somigliava sempre di più a mio padre. La vita andava affrontata, un respiro alla volta, ammettendo la propria insignificanza e trovando, nonostante tutto, la gioia. Ovunque guardassi scoprivo questo. Severi ammonimenti contro la boria, contro il pensiero magico. (p. 89)


Durante la lettura di questo libro mi sono sentito più volte coinvolto in maniera personale. La domanda ricorrente, “che senso ha la vita?”, è infatti una di quelle questioni che tutti prima o poi si pongono e pongono agli altri, magari a quegli adulti importanti che tutto dovrebbero sapere sul mondo e sulle sue leggi. Ma cosa succede quando la risposta a quella domanda così fondamentale svela l’abisso nero dell’insensatezza, di quel nichilismo nel quale, per fare un solo nome, la mente geniale di Nietzsche è sprofondata sul finire del XIX secolo?
Una volta ascoltata la più terribile delle risposte – «La vita non ha senso» (p. 36) – ed eliminato dal proprio orizzonte l’entità che più di tutte consente alla nostra vita caotica di reggersi in piedi e di sentirsi inserita in un ambiente sano ed equilibrato, vale a dire Dio, come si può pensare di continuare a condurre un’esistenza normale? Per una personalità fragile e curiosa come quella della giovane Lulu Miller, l’ateismo rischia di essere una sfida impossibile.
Ecco dunque che sorge la necessità di una guida, di una bussola morale che orienti le proprie scelte nel mare magnum delle possibilità. Cosa sono il bene e il male, ci si chiede, se il Grande legislatore non esiste? Come muoversi? Come agire? Che fare?

David Starr Jordan (1851-1931), uno dei più grandi ittiologi e tassonomisti statunitensi, primo presidente della prestigiosa Stanford University, è la guida morale che Lulu Miller ha scelto per sé. La sua vita, tempestata di lutti e catastrofi (un incendio prima e un terremoto poi distruggono per ben due volte il lavoro di una vita, eppure l’uomo riesce a rimettersi in carreggiata), sembra plasmata dalla mano di un invisibile direttore d’orchestra che conosce alla perfezione come reagire alle catastrofi.
Però, come tutti gli umani, anche Jordan è fallibile. Anche Jordan non è esente dai pregiudizi della propria epoca, gli stessi che hanno portato a orrori pseudoscientifici come la frenologia e l’eugenetica. Ecco dunque che torna una domanda importante, con la quale, ancora una volta, bisogna confrontarsi: che fare? Che fare in generale, intendo, come condurre la propria vita? Dove andare? Chi diventare? La risposta a queste domande è forse la più difficile di tutte. Eppure non si può evitare di rispondere, mai.
I pesci non esistono è un libro complesso da descrivere. È una biografia dentro una biografia, è un saggio, un memoir, un romanzo. Cercare di catalogarlo è non soltanto difficile, in fin dei conti anche inutile. A ben pensarci, è proprio questa la lezione che si apprende leggendolo: che spesso le categorizzazioni sono cosa di poco conto e a volte fanno più male che bene. È dannoso inserire alcuni tipi di esseri umani fra i nobili e altri – guarda caso, sempre gli altri, quelli che non hanno quasi mai diritto di replica – fra gli indegni; è dannoso provare a tutti i costi a definire una propria identità cercando di inscatolarsi dentro un insieme di parole ben precise, magari inventate da altri. Il senso della vita, ci dice Lulu Miller, è la vita stessa e il percorso che si compie per arrivare al punto finale.
Per questo I pesci non esistono è un bellissimo libro: perché è un viaggio all’interno di una persona che si apre al lettore, si espone, si racconta, si denuda. La sua storia è connessa con quella di un grande genio che si è rivelato essere anche un grande mostro, ma anche con quella di un’intera nazione fatta di luci e ombre. È uno di quei libri che, a modo loro, fungono da lanterna nell'oscurità, e che si vorranno riprendere più volte nel corso della propria vita.

David Valentini



Visualizza questo post su Instagram

Una delle domande più difficili da porre a se stessi e agli altri è: "Qual è il senso della vita?". Una delle risposte più difficili da accettare è: "La vita non ha senso". Questo è ciò che è capitato alla giovanissima Lulu Miller, che sin da piccola - con un padre scienziato, scettico e nichilista - si è dovuta confrontare con il nulla dell'esistenza, finché non ha rivenuto nella figura del tassonomista David Starr Jordan la bussola morale che andava cercando. Ma cosa fare quando anche quell'unica figura di riferimento vacilla e crolla, lasciando di nuovo spazio al vuoto cosmico? Come ricominciare a cercare se stessi? "I pesci non esistono" è un libro complesso e stratificato, un viaggio nella vita di due persone, un memoir e un saggio. È tante cose, alcune delle quali inafferrabili. Di questo bel libro targato @add_editore ci parlerà a breve il nostro @darvax. #libri #books #instabooks #bookstagram #lettura #inlettura #reading #nowreading #bookshelf #bookporn #bookreading #booksofinstagram #igersitalia #iger #snapseed #libridaleggere #librichepassione #booklover #bookreader #criticaletteraria #memoir #viaggio #vita #esistenza
Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: