venerdì 24 aprile 2020

Ritrovarsi tra paure, desideri proibiti e ricordi indelebili: "Voi due senza di me" di Emiliano Gucci

Voi due senza di me
di Emiliano Gucci
Feltrinelli, 2019

1^ edizione: 2017

pp. 224
€ 9,50 (cartaceo)
€ 6,99 (ebook)


Avete mai pensato a come sarebbe ritrovare il vostro / la vostra ex, quello/a che vi ha fatto soffrire, ma per cui sapete benissimo che sarà sempre impossibile non provare più niente? Ecco, Voi due senza di me si apre con un incontro a distanza di dieci anni dall'addio: Marta, scesa dal treno a Firenze per andare a lavorare, si trova davanti Michele, l'uomo con cui ha condiviso tanti momenti felici e anche il periodo più straziante della sua vita. Adesso lei abita in campagna, ha svoltato, vive con un uomo che le dà sicurezza e che la sta aiutando a fare pace con se stessa e con un passato che l'ha marchiata. E ora perché Michele è lì, a portarla indietro nel tempo, a farsi guardare addosso i cambiamenti portati da dieci anni di lontananza? A irritarla c'è questa sorta di invasione improvvisa dei suoi spazi, ma anche il fatto che Michele sembra sapere molto di lei e della sua nuova vita, e questo le provoca paura ma anche, in fondo, un piacere perverso. Michele le chiede un incontro: Marta sa che c'è ben altro, che quella sua spavalderia e quell'insistenza nascondono qualcosa. Sottrarvisi lascerebbe i conti aperti, ancora una volta, mentre accettare porterebbe nuovi rischi, a cominciare da quello più grande di tutti: concedere spazio al passato, tornare a quei giorni terribili, che hanno messo fine alla loro storia.
Ma non c'è da stupirsi: Marta e Michele, oltre a essere uniti dal dramma, non riescono a evitarsi. Passano anni di silenzio, ancora una volta, e dieci anni dopo il primo incontro ne avverrà un altro, ma a questo punto a parti invertite: è Marta a cercare Michele, ed è lui ad aver cambiato vita radicalmente. E non è ben chiaro, all'inizio, perché la donna sia andata ancora una volta a bussare alla sua porta.
In un gioco di specchi che si fonda tanto sulla ripresa quanto sulla variatio, Emiliano Gucci costruisce un romanzo che vive di dialoghi serrati, che si accumulano l'uno sull'altro in una conversazione inesausta, come se i lunghi spazi di silenzio potessero poi essere accorciati e annullati a forza di parole. E quando l'incontro scatta, arriva la fame di stare davanti all'altro, e la nuova realtà, costruita con tanta dedizione, vacilla miseramente. Cresce, intanto, in noi lettori la curiosità di capire quale sia il motivo del loro allontanamento e anche chi sia il narratore in prima persona che assiste a tutte le vicende. Si tratta, in effetti - ma non facciamo spoiler - di un testimone d'eccellenza, qualcuno che conosce da vicino entrambi i protagonisti e non può fare a meno di porsi anche alcuni interrogativi o commentare quel che sta avvenendo.
Nell'insieme, il romanzo è struggente, al netto di qualche ridondanza metaforica e di una ricerca stilistica piuttosto ostentata in alcuni passaggi. A conquistare è sicuramente la trama, che, per quanto esile, permette ai lettori si calarsi completamente nella vicenda e di prendere le parti ora di Marta ora di Michele, ora dei loro attuali partner, destinati a restare sempre di serie b.

GMGhioni






Cosa fareste, se rivedeste il vostro o la vostra ex a distanza di dieci anni dalla rottura? I protagonisti di #VoiDueSenzaDiMe, romanzo del 2017 di #EmilianoGucci, si ritrovano faccia a faccia con il loro passato, ma anche con un dramma che li ha fatti separare. E che dire oggi, che si sono rifatti una vita ma che entrambi non possono dimenticarsi? D'altra parte, sono stati l'uno per l'altra prima la loro maggiore vittoria e poi la loro più grande sconfitta... Il romanzo vive di dialoghi, di emozioni mostrate e sepolte, in un resoconto implacabile da parte di un narratore in prima persona che è testimone d'eccezione (e capirete via via, lungo la lettura). Se anche voi avete dei conti in sospeso col passato, questo libro può farvi decisamente riflettere... Presto la recensione di @gloriaghioni sul sito! #Criticaletteraria #instalibri #Feltrinelli #storiadamore #romanzodamore #bookstagram #inlibreria
Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: