giovedì 23 aprile 2020

L'importanza del corpo nell'esordio di María Ospina Pizano

Gli azzardi del corpo
di María Ospina Pizano
traduzione di Amaranta Sbardella
Edicola, 2020

pp. 144
€ 14,00 (cartaceo)


Biscotti per cani a forma di pancetta, cerotti con mostriciattoli disegnati, polveri nutrizionali al sapore di pesca, verdure sconosciute, formaggi dai nomi stranieri, creme e detergenti yankee. L’universo delle merci, come dicono i manuali marxisti. La sorprende l’indifferenza delle altre cassiere di fronte a ciò che ogni carrello rivela delle ansie più profonde della gente. (p. 17)
Dei sei racconti che compongono Azares del cuerpo, la raccolta di racconti d’esordio della colombiana María Ospina Pizano portata in Italia da Edicola edizioni, il primo è probabilmente il più riuscito. Sebbene presenti delle caratteristiche comuni anche agli altri racconti, Policarpa spicca per questa sua capacità di saper leggere le peculiarità e le contraddizioni di una società capitalista avanzata, che trova spesso nelle merci e nella mercificazione il momento più intimo ed elevato del quotidiano. Marcela, ex guerrigliera abituata agli scarponi militari e alle tende da accampamento, ora si ritrova con un lavoro normale in cui persone normali fanno acquisti normali; eppure tutto ciò suona estraneo e distaccato ai suoi occhi, qualcosa da esplorare con l’occhio analitico dello scienziato. D’altronde, lei stessa viene analizzata ed esplorata – invasa – dall’occhio clinico della redattrice di una casa editrice, la quale ha tutto l'interesse a scoprire e a reinventare la sua vita precedente da guerrigliera così da poterla gettare in pasto al pubblico avido di curiosità. È questa doppia lettura a rendere Policarpa una perla delle short stories, oltre alla capacità dell’autrice di umanizzare un personaggio che rischia di cadere facilmente nello stereotipo.
Ciò che accomuna i racconti di questo libriccino, in ogni caso, è l’appartenenza alla terra e a quel corpo che compare nel titolo. Al centro di tutto troviamo infatti Bogotá, una città stratificata che viene abbracciata in tutta la sua complessità e assume caratteristiche diverse e a tratti contraddittorie a seconda dello sguardo che la osserva: da quello più clinico di Policarpa a quello più nostalgico del racconto che dà il titolo alla raccolta, quelli delle protagoniste sono occhi che osservano, indagano e vivono. Sono occhi che si guardano intorno alla ricerca di un senso ulteriore della vita in una città che, come molte metropoli, sa fagocitare e digerire i corpi più deboli. Le sei protagoniste, attraverso le loro quotidianità, sembrano voler urlare al mondo la propria esistenza e la propria tangibilità: che la sfida stia nella salvezza di altri corpi, nella lotta a degli insetti o nella propria rinascita, il grido resta lo stesso ed emerge con chiarezza dalle pagine. Esistere è lottare per restare a galla, lottare per conquistare un'identità che non è dovuta per concessione divina ma va appunto strappata a morsi dal magma incandescente delle folle umane.

È un esordio che schiaffeggia, quello di María Ospina Pizano: schiaffeggia e scuote la terra per la sua fisicità. Un plauso va dunque alla casa editrice, che scavando ha saputo trovare questa piccola perla dall’altra parte del mondo.

David Valentini







Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: