sabato 28 dicembre 2019

#LectorInFabula - Quando rispetto per chi è diverso da noi fa rima con... coccodrillo!

Hugo. Cattivo, sanguinario e… PERICOLOSISSIMO?
di Mia Nilsson
Barbagianni Editore, novembre 2019

Traduzione di Susanna di Cosimo e Tor Anders Gronlund

pp. 44
€ 16,90 (cartonato 20 x 26,8 cm)



La Barbagianni Editore è una casa editrice indipendente nata a Roma nel 2012. Realizza libri e giochi per avvicinare adulti ai bambini e al loro mondo fantastico, liberare la creatività, emozionare, divertire e favorire nuove scoperte. Nel suo catalogo trovano posto giochi a schede, come L’Inventafavole, albi illustrati, strumenti di intrattenimento e didattica e dal 2018 una collana di narrativa, Le Uova, dedicata ai giovani lettori. Ho avuto modo di conoscerla dal vivo tastando e vivendo i suoi titoli allo stand allestito nel corso dell’ultima edizione di Più libri più liberi e ho fatto ingresso nel loro mondo grazie alla storia del coccodrillo Hugo.

Hugo. Cattivo, sanguinario e… PERICOLOSISSIMO? è un volume destinato ai piccoli lettori dai 3 anni in su a cui i genitori vogliono raccontare una storia che ispiri loro i dolci sentimenti dell’inclusione, dell’amicizia e del rispetto. Infatti il coccodrillo Hugo, giovane promessa di un circo itinerante, per invidia dei colleghi viene fatto cadere dal treno su cui la compagnia viaggiava e viene abbandonato in una terra misteriosa del nord. Spaesato e senza alcun punto di riferimento, il rettile si dedica alla cucina, alle faccende di casa e ai lavori a maglia, sperando un giorno di riuscire a stringere amicizia con gli altri animali del bosco. Ma questi, incluso il ferocissimo lupo, sono terrorizzati da questo esemplare insolito dalla lunghissima fila di denti e ignorano i suoi ripetuti inviti a trascorrere pomeriggi davanti a un tè fumante e a squisiti dolcetti. Proprio quando Hugo aveva oramai gettato la spugna e aveva deciso di partire alla volta di territori più caldi, un suo gesto eroico gli permetterà di acquistare la fiducia di tutti gli animali del bosco e di diventare, finalmente, parte di una variegatissima comunità.

Con dolcezza e simpatia, la storia di Hugo riesce perfettamente nel suo intento: coinvolgere i bambini in una dinamica a loro, magari, familiare, rendendoli consapevoli della molteplicità di sentimenti che entrano nel gioco nel momento in cui un nuovo elemento entra a far parte di un gruppo. L’espediente di antropomorfizzare gli animali aggiunge, inoltre, un tocco di fantasia in più rispetto a una storia con protagonisti bambini umani. Non mancano poi le scene divertenti, come quelle in cui il sanguinoso lupo scappa con la coda tra le gambe alla vista del coccodrillo forestiero: anche le apparenze possono di certo ingannare!

Passando alla veste grafica, trovo i disegni dell’autrice Mia Nilsson carichi di tenerezza e della giusta dose di realismo funzionale alla storia. La Nillson è un’illustratrice svedese che dopo la laurea alla University of the Arts di Londra ha cominciato la sua carriera lavorando per clienti da tutto il mondo, illustrando numerosi libri per bambini e disegnando per periodici e riviste come «The Guardian», «The Independent» e «Vanity Fair». HUGO. Cattivo, sanguinario e… PERICOLOSISSIMO?, come si intuisce dal finale della storia,  è il primo di una serie di quattro albi illustrati sul coccodrillo Hugo. 

Anche la font scelta per la parte testuale e la sua distribuzione rispetto ai disegni mi è sembrata confacente doppio al pubblico di destinazione: bambini troppo piccoli per leggere (che quindi porranno maggiore attenzione alle illustrazioni) e genitori adulti che riescono perfettamente a padroneggiare una scrittura di piccole dimensioni. Allora a presto, dolce coccodrillo!

Federica Privitera

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: