mercoledì 21 marzo 2018

Storie Digitali - Milano Digital Week 2018

Storie digitali

Festival digitale dal 15 al 17 Marzo 2018 MilanoFabbrica del Vapore, Milano

Si è tenuta a Milano, presso la Fabbrica del Vapore di Via Procaccini, la tre giorni di incontri targati “Storie digitali”, ideati da Elena Bardin, in collaborazione con Antonio Dikele Distefano, Tecla Caracozza, Endri Kalthi, Gabriele Baldassarre, Nahom Tito Tewelde ed il team di CultCity.
Storie digitali si è rivolto ad un target di giovani ascoltatori, proponendo interviste a personaggi variegati: da Salvatore Aranzulla, Mattia Zibelli, Paola Azukar a Paola Maugeri e molti altri, toccando le aree di competenza legate al settore della musica e dell’editoria, ma più specificatamente a quello dei nuovi canali di comunicazione, come ad esempio la piattaforma di “YouTube”, con promozione di libri disponibili alla vendita. 

I professionisti coinvolti hanno testimoniato l’impatto del web e dei social network nello svolgimento del loro lavoro, chi per veicolare contenuti, promuovere album musicali, chi per creare un’azienda, divenendo imprenditore di sé stesso.

L’infarinatura generale ha sicuramente fornito materia di interesse, che lascia al pubblico il vero compito di approfondire, per comprendere fino a che punto oggi giorno la tecnologia si è spinta, creando nuove figure professionali specializzate nell’architettura, nel dialogo comunicativo e creativo, nell’analisi dei dati ed il mercato ad esse collegato.
Inserito nel palinsesto della Digital Week milanese, con il contributo di Regione Lombardia, Storie digitali ha creato un punto di incontro utile ad interrogarsi su argomenti di primo piano nella cultura attuale. Peccato che le interviste non abbiano potuto tradursi in un vero workshop, sfruttando appieno la presenza di tanti nomi di spicco coinvolti, magari attraverso un dibattimento per punti, in grado di approfondire molte delle tematiche, che un pubblico non specializzato non poteva autonomamente intuire.
Fiore all’occhiello il piacevole sito web, così come l’uso dinamico e giovanile degli strumenti di regia, che hanno saputo dare un tocco di freschezza, creando un format moderno.


Elena Arzani

Per maggiorni informazioni: CultCity - http://storiedigitali.live