giovedì 1 febbraio 2018

Sensitivi negli anni '90: la tragicomica e intricatissima vita dei Telemachus

La straordinaria famiglia Telemachus
di Daryl Gregory
Frassinelli, 2018

Traduzione di Francesco Leto

pp. 435
€ 20 (cartaceo)
€ 9,99 (ebook)


Vi piacerebbe riuscire a smascherare le bugie? O uscire almeno per una volta dal vostro corpo, per volare nel cielo ed essere invisibili? E che ne dite della capacità di spostare gli oggetti col pensiero? Anche prevedere il futuro non sarebbe male, vero? Bene, i Telemachus hanno queste capacità e potrebbero essere una famiglia di successo, a dir poco famosa: le loro capacità decisamente straordinarie (in senso letterario, fuori dal comune) hanno colpito la televisione americana e per un po' la brava Irene, in grado di scoprire una menzogna appena pronunciata, è stata al centro dell'attenzione dei media. Ma qualcosa è andato storto e quando facciamo la conoscenza dei personaggi di questo libro pirotecnico i Telemachus sono una famiglia che attraversa un momentaccio, come tante altre. Certo, affrontarla con dei poteri è un po' diverso e garantisce ottime capacità di recupero, soprattutto con chi si è dimenticato della fama dei Telemachus di anni prima... Perché chi si ricorda di loro scrolla la testa come se si trattasse dell'ennesimo fenomeno da baraccone. 
Invece, c'è molto di più: innanzitutto, un albero genealogico complesso, con cui fare i conti, nonché un passato di tutto rispetto. Intanto, i capostipiti, Teddy e Maureen, si sono conosciuti da giovani proprio per i loro poteri: Maureen ha capacità enormi, che Teddy arriva quasi a temere, perché smisurate, mentre lui è solo un abile truffatore. Presto il loro talento è stato scoperto e sfruttato, nel corso del romanzo scopriremo via via da quali forze speciali e perché. Ma Maureen, scomparsa prematuramente, ha lasciato soli tre figli altrettanto dotati: la bella madre single Irene (che individua le bugie), l'affascinante e spaccone Frankie (capace di muovere gli oggetti col pensiero) e lo stravagantissimo e silenzioso Buddy (che prevede il futuro). E che dire di Maddy, il figlio di Irene? Nelle prime pagine del romanzo facciamo subito la sua conoscenza, mentre lui... beh, non fa conoscenza con noi, ma col proprio corpo di pre-adolescente e vive una spassosissima esperienza extracorporea; in alternativa alla masturbazione, solo l'uso di marijuana potrà aiutare Maddy a volare lontano dal suo corpo! Fa sorridere, vero? Dovreste leggere i dialoghi: vivaci, serrati, paradossali rispetto all'azione in corso, sanno sempre come divertire.

Ma c'è dell'altro: Daryl Gregory non trasforma i suoi personaggi in caricature; rovista senza limite nei loro sentimenti e desideri per restituirci una famiglia credibile, pur con le sue stramberie. Ad esempio, scopriamo la sensibilità di Irene e la sua "maledizione": riconoscere i mentitori è davvero pericoloso quando si vuole costruire una storia d'amore o quando si cerca un posto di lavoro. O ancora, Buddy continua a scavare nel giardino di casa un buco dalle dimensioni imprecisate e nessuno sa per quale motivo abbia questa impresa, apparentemente da pazzi. E poi ci sono i segreti: ogni personaggio nasconde il proprio, ma ce n'è uno ben grave da spiegare e soprattutto con cui fare i conti, ovvero la mafia. Già, perché se già i servizi segreti tengono d'occhio i Telemachus, anche alcuni brutti ceffi hanno fatto un prestito economico importante che adesso vogliono indietro con interessi decisamente alti (e non solo in termini di denaro). E qui il romanzo piega verso la suspense, preparandoci agli irrinunciabili colpi di scena delle ultime decine di pagine. 

Poi, certo, arrivano i ringraziamenti di Daryl Gregory e un po' ci spiazzano: 
E così, per quanto possa sembrare ridicolo ripeterlo nel Ventunesimo secolo: niente di tutto ciò è reale, ragazzi! Non esistono quelli che leggono nel pensiero, che viaggiano fuori dal loro corpo, e nessuno che possa piegare forchette o cucchiai con la forza del pensiero... se non unicamente nei romanzi. Ma non dovrebbe forse bastare? (p. 436)
Certo, un po' spiace perché i Telemachus, alla fine del romanzo, hanno preso forma davanti a noi. E questo è un super-potere dei romanzi ben scritti, vero Gregory?

GMGhioni

Sono bastate poche decine di pagine a @gloriaghioni per sentire profonda simpatia per i protagonisti di #LastraordinariafamigliaTelemachus, appena arrivati in libreria per #Frassinelli. I personaggi, piuttosto strambi e pieni di poteri, potevano essere una famiglia con ricchezze e successo grazie ai loro poteri da sensitivi. Invece, qualcosa è andato storto e adesso si trovano a vivere una loro crisi molto originale. Divertimento assicurato (e colpi di scena imprevedibili), chissà cosa combineranno nelle prossime pagine?! Nella sinossi si parla di un controllo costante da parte della CIA e della mafia... Insomma, pronti a scommettere che i Telemachus si metteranno nei guai! #Criticaletteraria #bookstagram #bookish #instalibri #instabook #inlettura #novità #inlibreria #bookworm #instalibro #superpoteri #darylgregory #anteprime
Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data:

0 commenti:

...che ne pensi?