martedì 10 marzo 2015

“La dittatura dell’inverno” di Valeria Ancione – Libertà di pensare ciò che non si dice

                                                                                                                                                                                                                    La dittatura dell’inverno
di Valeria Ancione
Mondadori, 2015


pp. 312
€ 18
                                                                                                              




Alla fine Nina è una donna libera, una donna però non libera di amare e neppure libera di fare quello che vuole nel momento in cui lo vuole, ma possiede, forse innata forse mediata dagli anni e dagli incontri, un’altra gradazione di libertà. Nina è libera di pensare ciò che non si dice. La protagonista di “La dittatura dell’inverno”, romanzo della giornalista sportiva Valeria Ancione, palermitana di nascita ma messinese di sole e di cuore, è una figura molto interessante per avvicinarsi a quello che, in modo pressapochistico, si potrebbe definire Quello che le donne non dicono.


Infatti Ancione costruisce una storia su una donna, Nina, affascinante quarantenne “che si nutre dell’estate e come il girasole alza il collo quando intravede il sole”, colta nel fatale passaggio, dopo un matrimonio felice, un lavoro soddisfacente e cinque, a loro modo, splendidi figli, a quella che era una volta l’età delle rinunce. Quarant’anni nella vita di una donna sono uno spartiacque importante ma La dittatura dell’inverno non è un libro sui problemi e sui dubbi esistenziali legati all’età, o meglio solo in piccola parte. È soprattutto un racconto di mutazione di una donna che, arrivata ad un certo punto della sua vita, invece di fermarsi riinizia a rifiorire scoprendo nuove esperienze, esplorando nuovi orizzonti e andando a parare in territori “che neppure lei sapeva di avere dentro se stessa”.

La storia d’amore con Eva è come se per Nina “ritornasse l’estate”. Infatti Nina vive l’inverno come una dittatura “perché ci si chiude in casa, la luce viene meno e ci si copre di più. È il tempo delle cospirazioni, d’estate non ci si pensa, d’estate si vive. Si vive veramente”. Eva, ragazza trentenne che lavora come traduttrice, è quello che si può definire un piccolo raggio di Sole portatile. Entrata come una folata di scirocco prima che faccia buio, la giovane ragazza scombussola una vita, quella di Nina, che non aspettava altro che essere scombussolata. Nina madre di cinque figli , innamorata di un marito Michele, proprietario e gestore di tre libreria, a cui bisognerebbe erigere una sorta di monumento ideale e morale per il comportamento che attua lungo tutta la vicenda, è molto corteggiata, perché è una donna bella. Anzi, Nina non è solo una donna bella, è una donna che si scopre bella a quarant’anni e che per la prima volta usa tutta la forza della sua bellezza. Anche del suo erotismo.

La scrittura di Valeria Ancione è avvolgente, molto piano e senza sghiribizzi degni di una penna che si vuole affermare di per sé. Piuttosto la scrittrice vuole portare avanti prima i protagonisti, la vicenda e i risvolti dolci-amari e semmai, ma solo in seconda battuta, il proprio io. Ma così facendo, tra le pieghe del libro, emerge molto dolcemente appunto la concezione dell’esistenza (e perché no, dell’amore anche) dell’autrice: un susseguirsi di continui strappi e riprese, come quando, sui campetti di qualsiasi campo del mondo, ci si allena per diventare un giorno una campionessa di calcio. Gli anni di  scrittura sportiva di Arcione non barbarizzano il romanzo anzi, lo rendono facile e appetibile, come quando Nina, colta tra lavoro, amori e famiglia, decide, con una decisione un po’ spericolata, di cenare "a gelato" per questa sera nell’entusiasmo generale e molto particolare dei due gemelli più piccoli.

Una storia di amore, di seduzione e di famiglia questo La Dittatura dell’Inverno che intreccia il rapporto contrastato e naturalmente impossibile ma perfettamente naturale tra Nina e Eva e quello con tutto il resto del Mondo, che orbita sempre più vorticosamente attorno alla testa, al cuore e al corpo di Nina.

Alla fine il “nodo” si scioglierà, come è giusto che sia, e d’aiuto sarà un vecchio incontro, quasi scovato a caso fra le pagine della memoria più intima e segreta della protagonista. Già Nina che, dopo molto sole, qualche nuotata, due lunghe dittature invernali e qualche bacio proibito di troppo, capirà che la più grande libertà è quella di poter non dire ciò che ci pensa.

Mattia Nesto
                                                          

1 commenti:

Saro Tanca

Libro d'esordio decisamente inutile del quale si può fare volentieri a meno. Scritto con mano incerta si perde nei meandri di storie che vorrebbero scandalizzare ma che risultano, alla fine, elucubrazioni di borghesi in perenne deficit di emozioni. Che chi gestisce librerie faccia anche crostate (è il caso della protagonista) non rende meno amara la lettura dei capitoli che si susseguono all'insegna della noia più imbarazzante. La protagonista ama una donna? Buon per lei se ha fatto finalmente outing...