venerdì 6 dicembre 2013

Libri sotto l'albero 2013: primo round

All'avvicinarsi del Natale, in redazione c'è sempre un grande fermento: amiamo mettere tanti libri sotto il nostro albero, e questo ci porta inevitabilmente a tirare le somme di un anno di letture. Quali libri regaleremo ai nostri cari?

Si sa, scegliere un libro da regalare è un compito bellissimo ma anche molto difficile, e molto spesso anche i più volenterosi si arrendono ai titoli scintillanti in vetrina. Con l'edizione di quest'anno dei nostri Libri sotto l'albero vi riveliamo proprio quali libri sceglieremo di regalare dal settore delle Novità del 2013, facendovi sbirciare nei pacchetti che abbiamo appena messo sotto il nostro albero di Natale. Come sempre, vi spiegheremo in due frasi perché abbiamo scelto questo titolo, e per chi l'abbiamo scelto. Se volete saperne di più, ogni consiglio è accompagnato dal link a una recensione su CriticaLetteraria.

Venerdì prossimo il secondo round con altri sei consigli. Speriamo che vi siano utili!




Valeria Inguaggiato regalerà...
Non so niente di te di Paola Mastrocola
Perché: perché è una storia coinvolgente, costruita in maniera acuta e intelligente. Perché parla della vera libertà e ha il coraggio di sostenere la percezione di un tempo diverso, un tempo lento, vissuto.
A chi: ai genitori e ai figli, a chi si trova nel momento terrificante e meraviglioso di scegliere chi essere nella propria vita. A chi sente di rivendicare una propria libertà. A chi si chiede se la vita che ha tra le mani va davvero bene per sé.
(leggi la recensione)

Laura Ingallinella regalerà...
La piramide del caffè di Nicola Lecca
Perché: La piramide del caffè è una storia che traghetta dal mondo dell'infanzia a quello reale; ci si trova la meraviglia, la perdita dell'innocenza, le ingiustizie sul mondo del lavoro... e ti lascia un po' l'amaro in bocca, proprio come il caffè.
A chi: A una mia giovane amica che ha fame di storie "vere", ma anche di fiabe.

Claudia Consoli regalerà...
In territorio nemico di SIC (Scrittura Industriale Collettiva) 
Perché: è un esperimento letterario molto interessante, un libro scritto a 115 mani, con un metodo rigoroso di indagine storiografica e un valore che va oltre la qualità letteraria e diventa memoriale.
A chi: a coloro che amano i romanzi che hanno una prospettiva storica e che, in particolare, sono affascinati dalla Resistenza come momento cruciale della storia civile del nostro Paese. Ma non aspettatevi solo questo: dentro il romanzo troverete la sofferenza e le emozioni più vere di quanti hanno lottato per ricostruire l'Italia quando tutto sembrava perduto.

Martina Pagano regalerà...
Apnea di Lorenzo Amurri 
Perché: è la storia di un uomo che, da un momento all'altro, deve imparare nuovamente a vivere dopo un tragico incidente. Dolore e leggerezza caratterizzano un racconto di grande impatto e scorrevole allo stesso tempo.
A chi: A coloro che sono alla ricerca di una storia vera, fatta di riflessioni, dignità e autoironia.


Stefano Crivelli regalerà...
L'infanzia di Gesù di J.M. Coetzee
Perché: l'ultima fatica di Coetzee è stata una delle novità più attese del 2013. Sebbene a tratti inferiore alle aspettative, è comunque un lavoro ricco di spunti di riflessione sulla condizione esistenziale e sulla relazione con l'Altro.
A chi: a tutti coloro che apprezzano uno stile narrativo dinamico e sempre coinvolgente, che provoca nel lettore il bisogno di introspezione e di ricerca di significati. E anche a chi ama le storie un po' fuori dall'ordinario.

Martina Fiore regalerà...
Mancarsi di Diego De Silva
Perché: perché anche quando il sogno non diventa realtà, riesce comunque ad esistere e a far scivolare via il passato e la routine di un amore tinto di perfezione... ma spento.
A chi: a un'amica che teme l'amore ma ama scoprirne i segreti.

0 commenti: