giovedì 14 marzo 2013

Carlo Collodi, "Le Avventure di Pinocchio"


Le avventure di Pinocchio
Carlo Collodi

Cappelli, 1964


Il fiorentino Carlo Lorenzini (1826 – 1890), più noto al pubblico di grandi e piccini col nome di Collodi, mutuato dal paese materno, fu patriota delle guerre d’indipendenza ma anche libraio, recensore, editore. Tradusse le fiabe francesi, fra le quali quelle celeberrime di Perrault. Diviso fra evasione e impegno, fra satira caricaturale della società e fuga nel fiabesco e nella fantasia, redasse numerosi testi ma il più famoso, quello per il quale è rimasto nell’immaginario collettivo, è Le Avventure di Pinocchio, scritto nel 1881 e pubblicato nel 1883. Con questo romanzo, uscito a puntate sul Giornale per i bambini, è stato capace di creare un personaggio immortale, quasi un archetipo junghiano: il burattino di legno che diventa bambino alla fine della storia come ricompensa per la buona condotta, modello del discolo dal cuore tenero, del bugiardo fantasioso. La diffusione del testo è stata enorme, da quando i diritti dell’opera sono scaduti, non si contano nemmeno più le traduzioni in tutte le lingue del mondo. Molte espressioni del libro sono diventate di uso comune, come “ridere a crepapelle” (dalla scena del serpente che muore per le risate) o “le bugie hanno le gambe corte e il naso lungo”, o “acchiappacitrulli”.

In bilico fra romanticismo e verismo, fra romanzo dai toni gotici (vedi l’impiccagione e gli spaventosi conigli becchini) e le miserie popolari dickensiane, è essenzialmente una narrazione picaresca con intento morale. La storia si svolge in un luogo imprecisato, a nord di Firenze, in un paese povero, animato da personaggi quasi verghiani, che conoscono una fame cronica,
“Intanto incominciò a farsi notte, e Pinocchio, ricordandosi che non aveva mangiato nulla, sentì un’uggiolina allo stomaco, che somigliava moltissimo all’appetito.Ma l’appetito nei ragazzi cammina presto; e difatti dopo pochi minuti l’appetito diventò fame, e la fame, dal vedere al non vedere, si convertì in una fame da lupi, una fame da tagliarsi col coltello.Il povero Pinocchio corse subito al focolare, dove c’era una pentola che bolliva e fece l’atto di scoperchiarla, per vedere che cosa ci fosse dentro, ma la pentola era dipinta sul muro. Figuratevi come restò. Il suo naso, che era già lungo, gli diventò più lungo almeno di quattro dita.”
La pentola dipinta è simbolo di un mondo di gente che s’ingegna con la fantasia per sopperire alle mancanze e a una vita di stenti, che trova buone anche bucce e torsoli perché li condisce col sale dell’appetito, che insegna ai propri figli a mettere  da parte vizi, capricci ed esigenze ma, soprattutto, è un simbolo d’immaginazione creativa, di libertà dal bisogno contingente.

  
A differenza del quasi contemporaneo Cuore di Edmondo de Amicis, del 1886, i toni romantici sono stemperati e gli ammonimenti morali fusi nelle figure, nei personaggi, nelle scene, nelle avventure. Il libro si basa tutto sui due poli dell’ordine e del disordine, fra il movimento anarcoide del burattino e uno statico rientro nei ranghi, fra la via maestra della morale e i viottoli secondari della fantasia.
Se fossi stato un ragazzino perbene, come ce n’è tanti; se avessi avuto voglia di studiare e di lavorare, se fossi rimasto in casa col mio povero babbo, a quest’ora non mi troverei qui, in mezzo ai campi, a fare il cane di guardia alla casa di un contadino.”
L’insegnamento morale, l’educazione, i gendarmi, il giudice, la fata turchina, il “povero babbo”, tutto tende a istillare nel burattino sensi di colpa, a riportarlo sulla retta via, a reintegrarlo nel sistema, a fargli abbandonare l’infanzia per la maturità, per un grigio divenire uomo. Nella prima versione Pinocchio moriva, come conseguenza della sua dissennatezza e il romanzo si concludeva con la sequenza dell’impiccagione. Tuttavia, quelle stesse figure che assolvono il compito di guida e d’indirizzo morale, sono anche fortemente caricaturali e lasciano trapelare l’insofferenza dell’autore per un certo tipo di educazione rigida e soffocante del talento del bambino.  E, infatti, l’accoglienza del testo non fu immediata, ne fu sconsigliata la lettura ai ragazzi di buona famiglia, in particolare suscitò scandalo il coinvolgimento dei carabinieri.
Ma quanta nostalgia prova il lettore, e anche l’autore stesso, per il burattino vivacissimo, bugiardo - dove per bugia intendiamo anche il libero dispiegamento di una fantasia creatrice e redentrice della misera realtà – il burattino dagli occhi maliziosi, dalle gambe ballerine, che svicola e si caccia neri guai?  
- E il vecchio Pinocchio di legno dove si sarà nascosto?- Eccolo là, - rispose Geppetto; e gli accennò un grosso burattino appoggiato a una seggiola, col capo girato su una parte, con le braccia ciondoloni e con le gambe incrocicchiate e ripiegate a mezzo, da parere un miracolo se stava ritto. Pinocchio si voltò a guardarlo; e dopo che l'ebbe guardato un poco, disse dentro di sé con grandissima compiacenza: - Com'ero buffo, quand'ero un burattino!... e come ora son contento di essere diventato un ragazzino perbene!
Che Pinocchio sia contento non traspare certo dalla malinconia generale di cui è avvolta la scena, che sa di commiato, di funerale, a contrasto con l’allegria delle impertinenti marachelle e delle ribellioni. La bugia più grossa Pinocchio la dice a se stesso, negando la propria natura per conformarsi a un ideale che non sente suo ma al quale si piega per convenienza e per dovere, per spirito di sacrificio e abnegazione. Sacrificio, abnegazione, senso del dovere che hanno costituito per troppo tempo l’unico fondamento dell’educazione e che oggi, al contrario, sono spariti nel nulla.
La discesa nel ventre della balena può apparire ai lettori odierni un simbolo ovvio ma non lo era per quei tempi. Ci sarebbero voluti ancora tredici anni, infatti, perché Freud parlasse di psicanalisi e inconscio. Il linguaggio dell’opera è vivo, popolare, ricco di fiorentinismi e di proverbi poi entrati nel linguaggio comune.
Pinocchio di Collodi è stato uno dei libri più imitati. Si sviluppò anche una letteratura parallela – quasi una fanfiction – con protagonista il burattino, che prese il nome di Pinocchiate”. Nel '36 Aleksej Tolstoj ne scrisse una versione alternativa che si discosta molto dall’originale. Nel 1940 Disney ne fece una celebre trasposizione a cartoni animati. Da ricordare anche l’adattamento de Le fiabe sonore dei fratelli Grimm, con la voce di Paolo Poli, lo sceneggiato di Comencini del 1972 e, più recentemente, il film di Benigni.


8 commenti:

Renato Baldoni (pinocchiologo)

Ottima critica con acute osservazioni. Va detto solo che il sucesso mondiale del libro è più merito della morale comune cui Collodi alla fine si conforma...

giuseppe

Anarcoide è la parola giusta.
E che dire poi dell'amico Lucignolo, il suo alter ego, la sua cercata "compiutezza", ciò che cerca di essere ma non ne ha il coraggio fino in fondo, perchè la retta via...
Pinocchio ha un grande cuore e lo dimostra agli altri (a Lucignolo stesso dandogli un'amicizia incondizionata) Lucignolo lo dimostra amando fino in fondo, con incoscienza forse, la bellezza della vita.

chenlina

chenlina20160530
michael kors outlet online
michael kors handbags
michael kors uk
nike air jordan
nike trainers men
cartier watches
coach factory outlet
michael kors outlet
kate spade outlet
hollister kids
ray ban sunglasses outlet
coach outlet online
jordan 3
ray ban sunglasses
michael kors handbags
longchamp outlet
coach factory outlet
christian louboutin shoes
oakley sunglasses
jordan retro 11
christian louboutin shoes
louboutin pas cher
polo ralph lauren
tod's shoes
jordan 11 concord
michael kors outlet clearance
michael kors handbags
authentic louis vuitton handbags
oakley outlet
coach outlet store online
designer handbags
tiffany outlet
air jordans
cheap toms
louis vuitton purses
nike roshe runs
true religion jeans
ralph lauren uk
louis vuitton outlet stores
ray ban sunglasses
as

琐事

titans jersey
toms shoes
cleveland browns jerseys
jacksonville jaguars jersey
boston celtics
birkenstock sandals
ralph lauren
atlanta falcons jersey
minnesota vikings jerseys
saints jerseys

Meiqing Xu

lebron james shoes 2017
coach factory outlet
birkenstock shoes
coach outlet store
michael kors uk
michael kors outlet
fitflops
coach outlet
polo ralph lauren
yeezy boost 350
20170318caiyan

Cara Herbal Mengobati Laringitis

Soon overcome all the problems your illness complaint before everything gets worse

Obat Asma Tradisional
Cara Ampuh Menyembuhkan Alergi Menahun
Pengobatan Hernia Untuk Semua Usia
Pengobatan Yang Ampuh Batuk Kering
Pengobatan Batuk Berdahak Herbal
Pengobatan Kudis Secara Merata

shengda xu

michael kors outlet online
true religion sale
rangers jerseys
coach outlet online
coach outlet store
louboutin outlet
tigers jerseys
timberland boots outle
yeezy boost 350
birkenstock outlet
xushengda0511

Obat Herbal Usus Buntu

Herbal treatment can be carried out effectively and without side effects. Thank you for sharing most information.

Pengobatan Gula Darah Tinggi
Cara Paling Cepat Untuk Melangsingkan Tubuh
Pengobatan Paling Efekti Penyakit Anemia Atau Kurang Darah
Pencegahan Dan Pengobatan Miom Tanpa Efek Samping
Cara Ampuh Menyuburkan Kandungan
Cara Mengatasi Mata Akibat Iritasi Softlens