domenica 9 agosto 2020

#CritiCOMICS: "Udon Noodle Soup", cinque piccole storie d'amore, cinque piccoli quadri di tenerezza e verità

Udon Noodle Soup
di Yani Hu
Edizioni di Atlantide, 2019

Traduzione di Simone Caltabellotta

pp. 128
€ 20,00


Sul sito delle Edizioni di Atlantide si legge che i loro sono “Libri destinati ad attraversare il tempo e le mode”; rientra perfettamente nell’identità della casa editrice romana Udon noodle soup. Cinque piccole storie d’amore della fumettista cinese Yani Hu: un volumetto dalla fattura artistica elevatissima, in cui ogni pagina, da sola, può rappresentare una stampa pezzo d’arredamento in una qualunque abitazioni di appassionati di grafiche. La materialità della carta e la lieve dolcezza dei disegni, da sole, basterebbero per elaborare un giudizio su questo splendido testo. Tuttavia non voglio dimenticare che un fumetto, così come qualunque altra opera letteraria, possiede delle sue peculiarità narrative che non devono essere ignorate.

Udon noodle soup è un volume unico di cinque fantastiche piccole storie piene di sentimenti, dove risulta chiaro che l'amore lascia grandi ricordi e in cui il sentimento ci viene presentato sotto diverse sfaccettature. Ma eccole, le cinque storie: vent'anni dopo che il suo amico del cuore si trasferisce dall'altra parte del mondo, un piatto di noodle risveglia i vecchi ricordi di una giovane sarta; un regalo fatto a mano e una piccola bugia provocano un enorme dispiacere; nonostante gli anni passati, una donna si aggrappa al ricordo del suo primo amore e di uno spazzolino da denti; il talento di una mamma nel lavoro a maglia è sottovalutato (anzi, disprezzato) fino a quando non è troppo tardi; una maglietta da calcio diventa il misero sostituto del ragazzo che la indossava.


Yani Hu ci racconta in tutte le sue storie piccoli amori adolescenziali che, in verità, poi così piccoli non sono. Per ogni fan dei fumetti orientali è sempre un piacere incontrare nuovi artisti, nuovi stili, nuove storie e per fortuna ultimamente alcuni editori stanno scommettendo per dare nuova vita al mercato editoriale d’oriente, che non è più identificabile solo con i manga giapponesi. Con Udon noodle soup assaporiamo una nuova visione  sul gusto agrodolce della vita grazie ai dettagli e alle pennellate lievi che rendono le sue storie molto vicine ai lettori, anche se questi hanno passato da tempo l’età dei primi amori, dal momento che tutte mantengono nella loro essenza una grande carica sentimentale: l’amore ruota attorno alla al tema della distanza, dell’importanza della famiglia, del passare del tempo, dei ricordi che formano la nostra personalità, dei pensieri intangibili che ci fanno riaffiorare una situazione alla mente attraverso l'olfatto, il gusto, la vista. Non possiamo evitare di avere ricordi legati ad oggetti che in un modo o nell'altro fanno parte della nostra vita; ed è quello che Yani Hu ci trasmette attraverso queste piccole storie che diventano grandi nella nostra memoria, che trasmettono malinconia e ci sono vicine nella lettura. Storie che, nonostante le loro conclusioni, ci lasciano la sensazione di aver goduto di qualcosa di buono, di qualcosa di molto bello: l'amore, come molti altri sentimenti, ha più facce, quante sono le persone al mondo. Non esiste un unico modo per amare, allo stesso modo in cui non tutte le esperienze sono uguali perché l'amore cambia a seconda dell'età. 

Per quanto riguarda la componente artistica, l'autrice si mostra in grado di saper gestire con maturità uno stile tradizionale, fatto di tavole acquerellate, con una modalità narrativa contemporanea e digitale, molto ritmata e cadenzata. Alla fine di questa mia recensione, allora, non posso far altro che raccomandare a tutti i lettori di sorbire il gusto delle Cinque piccole storie d’amore con la stessa lentezza con cui sorseggerebbero il brodo caldo di una zuppa di tagliolini in brodo, assaporando ogni pagina, ogni vignetta, ogni sentimento. 


Federica Privitera


Tavole riprodotte con l'autorizzazione della casa editrice





Non c’è niente di più dolce e significativo di un disegno per raccontare le emozioni. Quando, poi, i disegni diventano fumetti, ecco che la nona arte riesce perfettamente a trasformarsi in letteratura e a consegnare ai lettori compendi di sentimenti. Sì, @la_effesenza definirebbe davvero un compendio di sentimenti la raccolta di racconti grafici di Yani Hu che @atlantide.edizioni ha pubblicato nel suo #UdonNoodleSoup. Cinque piccole storie d’amore che nascono, che muoiono, che hanno a che fare con la famiglia o con il proprio partner, stampati in un’edizione prestigiosa sia nella fisicità che, come è già stato detto, nel contenuto. Un titolo immancabile nella nostra rubrica #CritiCOMICS. 📚 . . . #ticonsigliounlibro #libriconsigliati #criticaletteraria #leggerefabene #consiglidilettura #booktube #bookish #bookworm #bookporn #librichepassione #libridaleggere #libricheamo #instabook #books #libri #igreaders #igread #ilovebooks #ilovereading #fumetto #cinese #graphicnovel #comic
Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: