martedì 25 agosto 2020

Giorni e notti fatti di (troppo) piccole cose

Giorni e notti fatti di piccole cose
di Tishani Doshi
Feltrinelli, 2020

Traduzione di Silvia Roti Sperti

pp. 272
€ 17,50 (cartaceo)
€ 9,99 (ebook)

Il secondo romanzo di Tishani Doshi, poetessa e ballerina indiana, presenta molti punti di contatto con il primo. In Il piacere non può aspettare (Feltrinelli, 2012) la scrittrice narrava le vicende della famiglia Patel-Jones (lui indiano, lei gallese, proprio come i genitori di Doshi), scegliendo come protagonista Babo, emigrato a Londra da Madras alla ricerca di un’educazione e di una vita migliori. Giorni e notti fatti di piccole cose, invece, racconta la storia di un'altra famiglia mista, quella di Grace, madre indiana e padre italiano.
Anche Grace, come Babo, ha lasciato l’India alla volta di una vita più avventurosa - il romanzo si sofferma sulla descrizione delle sue frenetiche relazioni sessuali durante l’università. Il fallimento del suo matrimonio e la morte della madre convincono Grace a tornare in India, per raggranellare i pezzi di una vita apparentemente sgretolata. Qui il libro prende una piega inaspettata: non vi aspettate una rinascita, uno di quei libri in cui la protagonista trova la pace interiore o si ritira in ashram sperduto tra le montagne; quello di Grace non è il viaggio di Elizabeth Gilbert.


Al suo ritorno a casa, infatti, la donna fa i conti con tutto quello che si era lasciata alle spalle. La prima sensazione è di caos, disordine, miseria; l’India di Tishani Doshi è un Paese povero e pericoloso, dove si passeggia tra i roghi di spazzatura e gli uomini sbirciano le donne sole con sguardo affamato.
Tutt'altro luogo rispetto all'Italia, che Grace conosce soprattutto attraverso i racconti del padre: traspare dal libro la conoscenza e direi l'amore di Tishani Doshi per il nostro Paese, soprattutto per Venezia e le sue calli, un luogo in cui è facile perdersi e innamorarsi.
Già scoraggiata da un ritorno non proprio in pompa magna, Grace riceve dalla madre un’eredità decisamente inaspettata: una villa sulle spiagge di Madras e soprattutto Lucia, sorella di cui ha sempre ignorato l’esistenza. Nata con la sindrome di Down, Lucia è il più grande segreto della famiglia. Flashback a parte, tutto il libro è centrato su questo incontro tra le sorelle, ma i momenti significativi del rapporto sono pochi ed evanescenti.
Immaginate la situazione: Grace ha posto bruscamente fine al suo monotono matrimonio; mentre si chiede dove abbia sbagliato, ricorda con nostalgia le amicizie e le scorribande dell'università. Vorrebbe ricominciare a uscire, frequentare amiche e uomini, party e aperitivi. Invece si vede costretta a mettersi in casa un’estranea, massiccia come un’adulta ma capricciosa come una bambina. Grace deve ricostruire la quotidianità da zero, e spesso in maniera tutt’altro che pacifica.
Lucia non è autosufficiente, colleziona calzini e cani randagi, conserva stravaganti abitudini con cui Grace è costretta a fare i conti. In questo senso il romanzo rispecchia pienamente il suo titolo: è la storia - non particolarmente interessante - delle piccole cose che costellano i giorni e le notti delle due sorelle. La convivenza è una sfida, a tratti estenuante, a tratti rabbiosa; e anche se alla fine i rapporti tra le due sorelle evolvono verso una rassegnata tenerezza, rimane al lettore il senso di insoddisfazione per un libro che lascia indifferenti.

Francesca Romana Genoviva





Visualizza questo post su Instagram

"Giorni e notti fatti di piccole cose" di #TishaniDoshi, racconta la storia di Grace, madre indiana e padre italiano, emigrata in America ai tempi dell'università.  Dopo il fallimento del suo matrimonio e la morte della madre, Grace torna in India, ma vi trova caos, disordine e miseria. In più Grace riceve un’eredità inaspettata: una villa sulle spiagge di Madras e soprattutto Lucia, sorella di cui ha sempre ignorato l’esistenza, nata con la sindrome di Down.  La convivenza tra le due sorelle alterna stravaganti abitudini (Lucia colleziona vecchi calzini e cani randagi), litigi e momenti di tenerezza; "piccole cose", appunto, che trasformano radicalmente la vita di Grace. La recensione di @francesca_romana_genoviva arriverà nei prossimi giorni su CriticaLetteraria  #bookstagram #book #libri #leggere #india #sorelle #reading #letture #CriticaLetteraria #Feltrinelli #Inlibreria #instalibri
Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: