lunedì 12 agosto 2019

Chi ha rapito il gatto Teo? Un giallo umoristico per l'esordio letterario di Carlo Maria Paradiso

Che succede signor parroco? 
di Carlo Maria Paradiso
San Paolo, 2019

pp. 192
€ 15 (cartaceo)
€ 9,99 (ebook)



Chi ha detto che la vita nei piccoli paesi scorre più tranquilla? A Sciurcanosta la quiete del parroco viene letteralmente distrutta dalla scomparsa del suo gatto siberiano Teo: un biglietto sgrammaticato conferma che si tratta di rapimento! E il prezzo per riavere l'inseparabile Teo è chiaro: rifiutare di ospitare in parrocchia un gruppo di immigrati. Il sospetto serpeggia per il paese e gli indiziati sono tanti, a cominciare dalla sindaca e da altri leghisti del paese, ma Don Giustino non ha tempo per fermarsi, deve partire per il torneo di calcio con le nazionali sacerdoti. Porta via con sé la sua indignazione, mista al desiderio di lasciare la parrocchia, e poi prova a concentrarsi per quel torneo che vale tutto il suo impegno, lui che è stato soprannominato il Gigi Riva di oggi (e non solo per le sue origini sarde). 

Partito per Brescia in una sorta di ritiro sportivo, Don Giustino ignora, così, quello che sta succedendo: il caso di Teo col passaparola è diventato nazionale e poi... internazionale! Quotidiani, siti, associazioni animaliste: tutti si mobilitano per fare un appello perché venga rilasciato quell'adorabile siberiano. E mentre cantanti, attori, presentatori famosi si preparano per arrivare al paese, un inquietante graffito appare su un muro del paese, bene in vista: che stia denunciando il colpevole? 
La questione non è così semplice, e noi lettori vediamo di tanto in tanto cosa accade tra i muri di una mansarda, dove il beniamino Teo sta trascorrendo la sua detenzione... a suon di cibo prelibato e attenzioni! Dunque, il/la rapitore/rapitrice non vuole fargli del male?! Ma per quanto tempo ha intenzione di lasciare che il paese sia messo a soqquadro per ritrovare Teo? E a cosa è disposto/a ad arrivare per perseguire il suo obiettivo? 
Il giallo di esordio di Carlo Maria Paradiso prende fin dalle primissime pagine il tono dell'ironia, che stempera la tensione a suon di trovate iperboliche, calchi letterari (addirittura un dialogo ha toni manzoniani!), colpi di scena paradossali. La risata è dietro l'angolo, un po' come accade nei romanzi di Andrea Vitali, Marco Malvaldi e Marco Ghizzoni: c'è un mistero, certo, ma la suspense è legata soprattutto al desiderio di scoprire cosa ha architettato l'autore per farci divertire. D'altro canto, Teo sta benissimo e le strampalate indagini vanno di pari passo con la vicenda calcistica di Don Giustino.
Se la trama assicura il divertimento, i dialoghi brillanti, svelti, che si snocciolano tra vari abitanti del paese, sono il tocco di una penna sapiente, che ogni tanto fa l'occhiolino al lettore, nel mettere in bella mostra questo o quel vizio umano. Dunque, Che succede signor parroco? è anche un bel quadro divertito e divertente (senza cadute di stile) sulla nostra società e il gatto Teo, beh, è assolutamente il mito di questo romanzo. Ideale per trascorrere qualche ora di lettura spensierata (ma mai ingenua).

GMGhioni







Chi ha detto che la vita nei piccoli paesi scorre tranquilla? A Sciurcanosta la quiete del parroco viene letteralmente distrutta dalla scomparsa dei suo gatto siberiano Teo: un biglietto sgrammaticato conferma che si tratta di rapimento! E il prezzo per riavere l'inseparabile Teo è chiaro: rifiutare di ospitarChi ha detto che la vita nei piccoli paesi scorre tranquilla? A Sciurcanosta la quiete del parroco viene letteralmente distrutta dalla scomparsa del suo gatto siberiano Teo: un biglietto sgrammaticato conferma che si tratta di rapimento! E il prezzo per riavere l'inseparabile Teo è chiaro: rifiutare di ospitare in parrocchia un gruppo di immigrati. Il sospetto serpeggia per il paese e gli indiziati sono tanti, ma Don Giustino deve partire per il torneo di calcio con le nazionali sacerdoti: ignora, così, che il caso di Teo col passaparola sia diventato nazionale e poi... internazionale! Nel suo romanzo di esordio, #CheSuccedeSignorParroco, #CarloMariaParadiso propone un giallo pieno di ironia, che piacerà senz'altro ai lettori di #AndreaVitali e #MarcoMalvaldi. Cifra stilistica? Il buonumore. Presto la recensione di @gloriaghioni sul sito! #CriticaLetteraria #inlettura #anteprima #bookstagram #bookish #SanPaoloEdizioni #SanPaolo #gatto #book #instalibri #instabook #inlibreria #umorismo #giallotanti, ma Don Giustino deve partire per il torneo di calcio con le nazionali sacerdoti: ignora, così che il caso di Teo col passaparola è diventato nazionale e poi... internazionale! Nel suo romanzo di esordio, #CheSuccedeSignorParroco, #CarloMariaParadiso propone un giallo pieno di ironia, che piacerà senz'altro ai lettori di #AndreaVitali e #MarcoMalvaldi. Cifra stilistica? Il buonumore. Presto la recensione di @gloriaghioni sul sito! #CriticaLetteraria #inlettura #anteprima #bookstagram #bookish #SanPaoloEdizioni #SanPaolo #gatto #book #instalibri #instabook #inlibreria #umorismo #giallo
Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: