venerdì 11 gennaio 2019

Le pennellate espressioniste e oniriche nell'esordio di Marco Marrucci

Ovunque sulla terra gli uomini
di Marco Marrucci
Racconti, 2018

pp. 135
€ 14 (cartaceo)
€ 5,99 (ebook)


Ecco cosa dirò appena ti vedo, appena il tuo viso da tragedia eschilea verrà a occhieggiare attraverso la feritoia della porta dischiusa. Nessuna divagazione, nessun proemio ampolloso. Le prime parole devono saper dire tutto e comprimere gli spazi dello sdegno e della replica. L'attacco fulmineo è l'attacco vincente: me lo hai insegnato tu. Ma dopo, Marten? (p. 63)

Se è vero che il progetto grafico è l'abito di un libro, quello di Ovunque sulla terra gli uomini sembra essere stato cucito su misura dal miglior sarto della città. Quale idea può infatti trasmettere l'insieme di forme e colori che vanno a costituire la copertina di questo libriccino se non quella di essere lì, nello spazio e nel tempo nei quali l'autore ci sta narrando quei precisi eventi, eppure al contempo di non poter essere in alcun hic et nunc possibile? Quale sensazione, se non quella di essere presenti in un luogo onirico dai confini labili e scontornati come nella pittura espressionista?
Nei dieci brevi racconti di Marrucci le pennellate sono infatti dense di colore, più adatte a evocare emozioni e sentimenti che a raccontare storie precise e dettagliate: i periodi lunghi e complessi, carichi di subordinate e divagazioni più simili a peregrinazioni della mente che a digressioni, male si prestano a mantenere il lettore fermo sulla narrazione, tanti sono gli aggettivi, i nomi e i verbi che vanno a colpire la sua attenzione; perfettamente invece si prestano a farlo calare dentro a storia, a fornirgli una torcia e qualche indicazione su come leggere gli eventi e a farlo, poi, perdere fra le strade di San Salvador, fra i campi notturni della Tessaglia, fra i canali di Firenze. La scrittura di Marrucci, decisamente barocca, denota una ricerca lessicale coraggiosissima e puntuale, un bisogno fortissimo di scuotere, mescolare, surriscaldare la mente del lettore, di costringerlo quasi a provare qualcosa, a non restare indifferente davanti a ciò che accade nelle poche pagine che compongono le storie.
La lettura risulta dunque non solo piacevole, bensì anche colorata, intrigante, suggestiva, un’esperienza immersiva degna di nota considerando anche che l’autore è un esordiente (e dunque complimenti alla casa editrice e al gran lavoro di scouting che sono riusciti a fare).
C’è un “però” che vorrei sollevare, uno di quei dubbi che non possono non emergere negli esordi “col botto”: mi piacerebbe vedere Marrucci all’opera con altre opere, con altre sfide, con altri testi non necessariamente più lunghi – la sua forza è nella densità, non nell’estensione – ma più complessi. Fra i dieci racconti proposti in Ovunque sulla terra gli uomini io credo che la linea da seguire (una linea sottile, tracciata con un bastone lungo una spiaggia) sia quella delle Notti sopra la Tessaglia, il racconto che più di tutti sa combinare l’effetto straniante dell’annullamento del qui e ora di cui sopra con una capacità narrativa ottima sia dal punto di vista formale (lessico ricco variegato, sintassi precisa e appropriata eccetera) che contenutistico (la narrazione si apre, si evolve e si conclude in un cerchio perfetto).
Un ottimo libro, dunque, che non deve ingannare il lettore: non è consigliabile, nonostante la sottigliezza del dorso, terminarlo in una sola giornata. È bene invece soffermarsi su ogni parola, meditare su ogni dettaglio che l'autore ha voluto fornirci.

David Valentini




Il filo rosso è il più lungo e ingarbugliato di tutti, perché è annodato con migliaia di circostanze, domande, recriminazioni e solitudini che coprono un arco di nove giorni. Mentre lo discendo con la fatalità di un ragno che padroneggia ogni biforcazione della propria ragnatela assaporo una tristezza pallida e antica che ingrassa lentamente, mi inchioda al passato e giudica le mie colpe. È un nettare amaro, un fiele che non posso rifiutarmi di bere perché è incorporato nelle traiettorie della discesa e del ricordo, è esso stesso la discesa e il ricordo. . . . #darvax #libri #books #instabooks #bookstagram #lettura #inlettura #reading #nowreading #bookshelf #bookporn #bookreading #booksofinstagram #igersitalia #iger #snapseed #libridaleggere #librichepassione #racconti #shortstories #natale #christmas
Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: