sabato 11 gennaio 2020

Da #OCCUPYBEDROOM alla lotta armata di Aspergistan: il manifesto introverso di Hamja Ahsan


Introfada. Lotta antisistema del militante introverso
di Hamja Ahsan
traduzione di Piernicola D’Ortona
add editore, 2019

pp. 183
€ 13,00 (cartaceo)
€ 5,99 (ebook)


NOI, POPOLO DI ASPERGISTAN, diamo vita alla Repubblica del popolo timido di Aspergistan – asilo, faro e patria di persone oppresse come i timidi, gli introversi e tutti gli appartenenti allo spettro autistico – e dichiariamo che i princìpi supremi della nostra nazione serviranno da baluardo contro l’egemonia dell'Ordine Mondiale degli Estroversi e getteranno le fondamenta per la cooperazione e la convivenza fraterna tra i popoli timidi, in un’unione mondiale indipendente. (p. 11)
Il mondo appartiene agli estroversi: questo è l’assioma di base di Ahsan.
Il mondo appartiene agli estroversi perché solo chi sa mettere in mostra il proprio ego, chi sa urlare più degli altri, chi si trova a proprio agio nelle apparizioni pubbliche ha il potere di irretire le masse e di sovrastare le altre voci mettendole a tacere; solo l'estroverso ha la possibilità, negata a chi invece è più riservato, di avanzare in quello che l’autore chiama il Trendy Club, una sorta di ordine mondiale dei vincenti, fatto di social network, aperitivi, feste e discorsi alla nazione.
Gli estroversi, seguendo l’adagio secondo il quale la storia viene scritta dai vincitori, hanno plasmato questo mondo a propria immagine e somiglianza, come un dio che si ritiene benevolo ma in realtà cela, dietro il più abbacinante dei sorrisi, la sua anima nera. E se dunque è vero che nel Trendy Club sono ufficialmente tutti accetti – a tutti è concessa la possibilità di esprimersi e dire la propria: è questo il punto zero delle democrazie liberali, dopo tutto – è anche vero che non a tutti è consentito lo stesso accesso, in quanto, come in molti edifici pubblici che ufficialmente sono aperti a tutti esistono delle barriere architettoniche che impediscono la mobilità delle persone con disabilità, allo stesso modo l’ingresso al nostro mondo, anch’esso rivolto a chiunque, presenta ostacoli insormontabili per una determinata categoria di persone, ossia i timidi, gli asperger e gli appartenenti allo spettro autistico.
Ahsan si scaglia contro tutto e tutti: non solo contro il settore dello spettacolo, dominato dagli estroversi, capaci di sfilare davanti alle telecamere con nonchalance perché quello è il loro ambiente; ma anche contro la politica, rappresentata da (e che rappresenta solo gli interessi della) cultura estroverso-suprematista, e questo perché è lo stesso «apparato statale [a] imita[re] in tutto e per tutto l’estroversione» (p. 54); infine, contro la cultura in generale, che col suo divide et impera ha inculcato nelle menti degli introversi l’idea di essere sbagliati, fuori posto, l’errore in un sistema che, uguale per tutti nella teoria, privilegia chi preferisce il rumore, le chiacchiere sul tempo che fa là fuori e i cocktail party al silenzio, all’intimità e alle letture in solitaria.
E come possiamo dar torto ad Ahsan quando afferma che «siamo diventati tutti così iperattivi e le nostre vite sono così immerse nella cacofonia che non riusciamo a sentire il suono di un fiore che cade in un giardino silenzioso» (p. 138)? Affacciandoci alle finestre dei nostri palazzi, con la televisione perennemente accesa e il telefono che emette bip continui per le notifiche sui vari social, non ritroviamo in strada il caos di clacson, macchine, persone che urlano? Non ritroviamo in metro e nei centri commerciali gli annunci degli slogan pubblicitari? E chi volesse stare per conto proprio, senza per questo essere additato come un estraneo, o peggio come un alieno, non si ritroverebbe spesso col dito puntato contro, o con un’espressione di giudizio sul volto degli altri?
Ahsan immagina un mondo in cui la rivoluzione parte dal basso, dai timidi e dagli introversi che, svegliatisi dal torpore, prima si uniscono in un movimento culturale e politico all’insegna della Ssss’ria (traduzione geniale dell’ancora più geniale Shyria Law inglese, la quale a propria volta si rifà alla legge sacra islamica) e poi fondano lo Stato di Aspergistan, il quale ha una costituzione, una rappresentanza parlamentare, un territorio («1. Provincia della frontiera nordoccidentale e regioni semiautonome del Pakistan. 2) Grotte e regioni montuose dell’Afghanistan, esclusa Kabul. 3) Repubblica islamica dell’Iran, esclusa Teheran», p. 12), dei principi fondamentali, una bandiera, un inno nazionale (da ascoltare rigorosamente in privato, attraverso una conchiglia marina… perché l’inno nazionale è, di fatto, «il suono di una conchiglia», p. 14).
I Militanti Introversi di Ahsan hanno un nome, una legge sacra, degli adepti, uno Stato, ma anche un loro slogan (#OCCUPYBEDROOM), dei martiri e prigionieri politici, una cultura cinematografica, delle icone e persino una linea di aiuto telefonico. Ahsan ha messo su, nelle 183 pagine di un libriccino che non si nasconde dietro a un dito e rimanda, nel bene e nel male, a un movimento (contro)culturale che sfocia nei territori del terrorismo, del fondamentalismo e della guerra religiosa: la lotta è armata, il nemico è globale, l'obiettivo è la sovversione dell’ordine mondiale, perché ciò che inizia con #OCCUPYBEDROOM avvampa in seguito in una #PRIMAVERATIMIDA, in #ASPERGISTANSUBITO per, alla fine, raggiungere l’obiettivo di dare #POTEREAITIMIDI.
Le rivolte si trasformano in rivoluzioni quando chi è sempre stato nell’ombra sente di dover lottare per ottenere ciò che gli spetta di diritto. E i Militanti Introversi, insegna Ahsan, reclamano «soltanto quello che è [loro]: il diritto a vita, spazio, silenzio» (p. 182).

David Valentini
Visualizza questo post su Instagram

Cosa accadrebbe se un giorno le persone timide, con sindrome di Aspeger o appartenenti allo spettro autistico decidessero di sollevarsi contro il sistema estroverso-suprematista che domina il mondo? Hamja Ahsan immagina questa "rivoluzione dal basso": ne immagina gli inizi, ne delinea gli sviluppi e ne intuisce l'evoluzione nello Stato di Aspergistan in un volume che definire geniale è poco. Ce ne parlerà a breve il nostro @darvax. #libri #books #instabooks #bookstagram #lettura #inlettura #reading #nowreading #bookshelf #bookporn #bookreading #booksofinstagram #igersitalia #iger #criticaletteraria #saggio #introversione #critica #recensione #asperger #autismo

Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: