martedì 27 novembre 2018

#CritiCOMICS: Un'avventura in tre canti che fa sognare grandi e piccini

Tosca dei boschi
di Teresa Radice e Stefano Turconi
Bao Publishing, 2018

pp. 160
€ 19 


Di Teresa e Stefano ci si innamora con un colpo di fulmine artistico che, nel mio caso, è riuscito a zittire il fragore molesto della gente ammucchiata presso lo stand della Bao Publishing durante il Lucca Comics and Games 2018. Non li avevo mai visti di persona, nonostante avessi la sensazione di conoscerli da sempre dopo aver letto Il porto proibito e Non stancarti di andare. Poi me li sono trovati lì davanti, lui intento a disegnare con la grazia che solo una matita all’opera riesce a evocare, e lei (compagna di penna, ma anche di vita) a scherzare con noi fan in coda, firmando una copia dopo l’altra della loro ultima opera, l’avventura in tre canti di Tosca dei boschi.
E se i colpi di fulmine “tradizionali” non si riescono a spiegare, poiché una forza irrazionale li muove e alimenta, l’amore per gli abitanti de La Casa senza Nord, invece, è giustificato in ogni suo aspetto e confermato (ancora una volta) nel romanzo grafico di ambientazione medievale che racconta la storia di Lucilla, figlia del duca di Fieramosca, maestro della guerra di fede senese. L’apprensione del padre e della madre arrivano a tal punto da costringerla a vivere reclusa nel castello, sempre accudita e coccolata da tre buffe fantesche (vi ricordano qualcuno?).
Per fortuna Fra’ Cosimo la salva di frequente da questa vita monotona: è lui che le dispiega sotto gli occhi i misteri del mondo, la inizia alla scoperta delle belle lettere e le fa compagnia nelle lunghe giornate solitarie nella magione di famiglia. Quando la rivalità tra Firenze e Siena sembra essere giunta a un punto di non ritorno, ecco che Tosca e il fratello Rinaldo faranno il loro (rocambolesco) ingresso nella storia. I due giovani sono molto diversi dalla bella Lucilla cresciuta nella bambagia. Lottano ogni giorno per la sopravvivenza, ma poiché lo fanno sempre con il sorriso (e con una dose quotidiana di Boccaccio, Dante e Petrarca) e con una tale gioia, conquisteranno in breve tempo la simpatia della giovane dama. Quante avventure si troveranno ad affrontare i tre amici nei tre canti di Tosca dei boschi!

Foto di @la_effesenza
Si tiene in mano il fumetto e si pensa immediatamente allo screenplay di un film Disney. In effetti in questo graphic novel sono evidenti la formazione e le passate esperienze dei due autori: Stefano Turconi è stato allievo di Alessandro Barbucci nell'Accademia Disney e alla fine degli anni Novanta ha cominciato a collaborare attivamente con la Walt Disney Italia, prima su Topolino, poi sulle diverse serie innovative che proprio in quegli anni stavano iniziando a conquistare il giovane pubblico, come PKNA, Mickey Mouse Mystery Magazine e W.I.T.C.H.; Teresa Radice collabora con Topolino dal 2002 e ha lavorato per W.I.T.C.H, PK, X-Mickey. Stiamo parlando di quel calderone ideologico della Disney contemporanea che rende un’opera godibile sia al pubblico più giovane che a quello adulto, in grado di cogliere riferimenti, ironie e scambi dialogici esilaranti che i più piccoli non capirebbero. Ed è proprio questo, Tosca dei boschi. Un fumetto che ammalia i bambini per il ritmo delle avventure, il coraggio con cui si difende l’amicizia, la patina di mistero dietro le vite dei protagonisti e la suspense tenuta viva in ogni canto, autonomo se letto da solo ma utile insieme agli altri per bilanciare l’economia globale della storia. Gli adulti, dal canto loro, leggeranno con gioia le gag spassose disseminate in ogni tavola e rideranno dell’ironia ammiccata tra le righe, godendo di uno spaccato storico letterario presentato con il realismo tipico di ognuna delle opere dei due autori, che in questo caso vede la (abbondante) fantasia bilanciata sapientemente da numerosi riferimenti letterari (splendide le tavole che accompagnano le strofe del Cantico delle creature di San Francesco) e storici, educativi quanto evocativi.

Foto di @la_effesenza
Teresa e Stefano si confermano come la squadra vincente del fumetto italiano contemporaneo. Lei, con la sua capacità di intrecciare i fili della storia con la stessa maestria con cui gli artisti fiamminghi intrecciavano gli arazzi che, sono sicura, decorano le stanze del castello dei Fieramosca. Lui, che disegna un codice miniato moderno, prezioso come quelli antichi sia per la sua vivida tecnica di disegno, realistica ma dolce, sia per la sua fisicità: un “tomo” in cui i tre canti spiccano nella carta usata, nella copertina aurea (della mia edizione variant) e nell’inserto a fine volume (di cui non svelo il contenuto), ma che, da solo, merita l’acquisto del testo. Se i risultati, dopo i primi tre capolavori non-Disney degli autori, sono questi, possiamo solo fremere in attesa dei titoli annunciati al Lucca Comics and Games: Le ragazze del Pillar, spin-off de Il porto proibito, e un graphic novel in lavorazione, previsto per il 2020, di cui si sa solo che sarà “al freddo. Seconda guerra mondiale” (dall’account Instagram degli autori, ndr). Buon lavoro, allora!

Federica Privitera





Non è per farvi rosicare (come dicono da queste parti) se vi mostriamo l’edizione variant di #ToscaDeiBoschi in 1.000 numeri numerati che siamo riusciti a comprare al #LuccaCG2018 (è andata esaurita sul sito della @baopublishing). Ma semplicemente per mostrarvi qualcosa in più rispetto all’edizione standard dell’ultimo fumetto de @lacasasenzanord (AKA Teresa Radice e Stefano Turconi). Qualcosa che vi faccia comprendere meglio perché, questa volta, la coppia più prolifica (e dolce) del panorama fumettistico italiano contemporaneo abbia scritto un “codice ministro moderno”. Avete letto anche voi di Lucilla, Tosca e Rinaldo? Noi abbiamo divorato la storia sul Pullman di ritorno dalla fiera e ce ne siamo subito innamorati. Presto un #critiCOMICS sul nostro sito! #baotiful #ticonsigliounlibro #libriconsigliati #criticaletteraria #leggerefabene #consiglidilettura #booktube #bookish #bookworm #bookporn #librichepassione #libridaleggere #libricheamo #instabook #books #libri #igreaders #igread #ilovebooks #ilovereading #fumetto #graphicnovel #disney
Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: