giovedì 21 maggio 2020

Ambienti da incubo: «Capitalocene» di Silvio Valpreda

Capitalocene
di Silvio Valpreda
add editore, 2020

pp. 144
€ 14,00 (cartaceo)

All’inizio mi sembrava che i luoghi si potessero classificare in base all’impatto che l’azione dell’uomo aveva avuto su di loro.
Questo non voleva dire esprimere un giudizio morale. La natura priva di contaminazione umana non era migliore o più pura, era solo qualcosa di diverso da un luogo fortemente antropizzato. (p. 16)
Come si legge nella bandella di sinistra, «Capitalocene è un termine coniato nel 2016 dal sociologo inglese Jason W. Moore per descrivere un’epoca in cui i parametri più rilevanti che regolano il pianeta Terra non sono più biologici, ma economici».
La scelta di Valpreda di optare per un libro illustrato per mostrare degli appunti sulla nuova era – così recita il sottotitolo in copertina – che noi tutti stiamo vivendo si rivela più che vincente: accompagnate a una narrazione leggera che si potrebbe definire aneddotica, le immagini oltrepassano l’elemento saggistico-descrittivo per arrivare a toccare le corde emotive del lettore. Sfogliando le pagine di Capitalocene, infatti, non stiamo parlando di qualcosa, bensì piuttosto la stiamo vivendo; siamo immersi nel qualcosa che, a sua volta, percepiamo ogni giorno intorno a noi.
Valpreda sceglie sei esempi – le distese del Serengeti, le pianure abbandonate delle Highland scozzesi, la pacifica Norvegia, gli agglomerati ultra urbanizzati del Giappone, la disabitata isola di Lavezzi al largo della Corsica – che, coprendo uno spettro ampio di urbanizzazione, di fatto esemplificano ogni ambiente terrestre: dai luoghi più disabitati fino alle città metropolitane più antropizzate, l’autore ci mostra l’impatto che l’uomo e il capitale hanno avuto e stanno avendo sul mondo. Non solo, però: ci mostra anche – o forse soprattutto – l’impatto che il capitale ha avuto e sta avendo sull’uomo. Perché, se è vero che le Highland scozzesi sono state trasformate da quegli esseri umani che per secoli le hanno abitate, è anche vero che molti di loro sono stati poi cacciati da quelle terre affinché alcuni altri (pochi) umani potessero renderle terreno di caccia dei cervi e di pascolo per le pecore; lo stesso dicasi per quanto avvenuto nel quartiere di Tsukishima, a Tokyo, nel quale l’industrializzazione forzata del Novecento ha portato a uno stravolgimento epocale delle abitudini di vita dei giapponesi, fino a rendere «un ambiente creato dall’uomo [… non] ospitale per l’uomo: né per il ricco, né per il povero» (p. 100).
Dopo aver sorvolato questi sei luoghi, Valpreda pone una domanda scomoda; forse la domanda che oggi, nell’epoca del capitalismo avanzato e della globalizzazione, risulta la più posta in ogni angolo del mondo: quanto costa? La teoria di fondo del libro, infatti, è che ogni essere vivente – esattamente come le cose – oggi esista «perché ha un valore economico» (p. 120). Con una sola domanda e delle considerazioni finali, l’autore ci obbliga a porci dei quesiti fondamentali sullo stato delle cose; a chiederci come siamo arrivati a considerare qualcosa da sempre ritenuto sacro, come la vita, quantificabile e numerabile. È ancora il capitalismo uno strumento dell'uomo, o è forse vero il contrario? A leggere Valpreda, pare che stiamo assistendo a un processo di ipostatizzazione: vale a dire che stiamo rendendo autonomo e autosussistente (quasi reale, dunque) qualcosa che è sempre e solo stato un concetto. Il capitale rischia di assumere uno statuto ontologico, arrivando ad avere la stessa rilevanza degli esseri umani stessi. Da qui alla sua completa sottomissione il passo è breve. Staremo a vedere, quindi.
In conclusione, bisogna dire che Capitalocene non è un testo completo: è troppo scarno, infatti, per poter indagare a fondo un argomento che richiedere pagine e pagine di approfondimenti, esempi e teorie specialistiche. C’è anche da dire che, sin dalla copertina, è palese che sviscerare il tema non sia nelle mire del libro. Si parla, di appunti, senza contare i soli sei esempi scelti.
A chi è rivolto dunque un testo del genere? Non a chi ha già nozioni sull’argomento ed è in cerca di completezza d'informazioni; piuttosto, il lettore ideale è colui che percepisce nell’aria un sentore di bruciato e ha bisogno di un forte impatto emotivo per decidere di voler effettuare una prima sorvolata sul tema. A questo lettore ideale il libro di Valpreda non può non lasciare sensazioni forti.

David Valentini





Esistono su questo pianeta luoghi costruiti dall'uomo, eppure inospitali per le persone che lì dovrebbero viverci. Ne esistono altri virtualmente incontaminati: virtualmente, perché la presenza dell'essere umano e del capitale si fa comunque sentire e vedere. Silvio Valpreda ci porta in sei diversi ambienti - dalle distese del Serengeti all'ultra urbanizzata Tokyo - per mostrarci come il capitale modifichi strutturalmente la natura, l'ambiente e la vita stessa degli esseri umani. Attraverso le foto scattate nei luoghi da lui visitati, Valpreda ci racconta il Capitalocene, l'epoca che stiamo vivendo. Ce ne parlerà a breve il nostro @darvax. . #libri #books #instabooks #bookstagram #lettura #inlettura #reading #nowreading #bookshelf #bookporn #bookreading #booksofinstagram #igersitalia #iger #igersitalia #snapseed #libridaleggere #librichepassione #booklover #bookreader #criticaletteraria #saggio #capitalismo #Italia
Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: