sabato 26 marzo 2011

Paula di Isabel Allende


Paula
di Isabel Allende
Universale economica Feltrinelli

1^ edizione: 1995

Si tratta evidentemente di un'opera autobiografica, è inoltre, l'espressione appasionata di una madre che narra e trasmette la sua passione per la scrittura. Questa scrittura che giorno dopo giorno ha aiutato l'autrice ad uscire dall'abisso di un dolore così forte come la morte di un figlio.

Nel libro viene espresso con molta efficacia il sentimento di impotenza di chi assiste alla sofferenza senza rimedio di una persona cara, il dover assistere ad una morte annunciata senza poter far nulla per evitarla, neanche potersi sostituire ad essa.

Come sfondo al racconto della propria vita, molto interessante è anche il racconto di una delle pagine più tristi della storia del Cile, il suicidio nel palazzo della Moneda di Salvador Allende espresso in tutta la sua drammaticità, in seguito al golpe dei militari guidati dal futuro dittatore Augusto Pinochet.

La lettura di questo libro, che tanto successo di critica e di pubblico ha incontrato, è indispensabile per comprendere meglio come nasce la sua produzione letteraria al suo interno, fra l'altro, si racconta le vicissitudini legate alla nascita del suo primo libro, La casa degli spiriti. Le pagine dei suoi libri non solo prendono spunto dalla sua avventurosa esistenza, che sembra essa stessa un romanzo, ma attraverso i suoi racconti, ella ci fornisce degli ottimi affreschi per comprendere da vicino il dramma della vita di un popolo che vive in un regime dittatoriale.

Lucia Salviati