venerdì 31 marzo 2017

#RileggiamoConVoi - marzo 2017

Foto di ©ElenaGhioni


Cari Lettori,
siamo all'inizio della primavera e non ci resta che assaporare il piacere di rifugiarci a leggere finalmente all'aperto! Vi consigliamo qualche testo che è bello portare nel parco cittadino e (attenzione!)... per marzo vi proponiamo anche un "doppio" consiglio.

Buona lettura e continuate a seguirci per tante luminose novità della primavera 2017,
La Redazione

***


Carolina consiglia...
"Non avevo capito niente" di Diego De Silva (Einaudi)
(leggi la recensione)
Perché: Vincenzo Malinconico è uno di noi e al contempo è il tipo di persona a cui ognuno di noi vorrebbe assomigliare almeno un po'; perché dice di non aver capito niente, ma forse dopotutto ha capito le cose giuste; perché a volte riesce a dire quello che abbiamo sempre pensato, con le parole che avremmo voluto usare per esprimerlo. E perché ho letto il libro in una stanza piena di gente, e mi sono ritrovata a ridere da sola.
A chi ha amato l'avvocato Guerrieri di Carofiglio, ma a un certo punto ha iniziato a pensare che si prendesse troppo sul serio; a chi cerca una lettura frizzante come la primavera che inizia; a chi ama le divagazioni e le storie che portano dove non ci si aspetta; a chi è infastidito dalla perfezione e cerca un (anti)eroe per cui fare il tifo. 

Claudia consiglia...
"Le onde" di Virginia Woolf (Oxford OUP)
(leggi l'invito alla lettura)
Perché: è un'opera unica che illumina e stupisce. Un libro fatto di particelle di bellezza.
A chi: a chi non ha ancora avuto il privilegio di conoscere Virginia Woolf e di farsi cullare dalle onde della sua scrittura, tra romanzi, diari, lettere.

Un doppio consiglio dedicato a...  
"Le nostre anime di notte" di Kent Haruf (NN editore)
Claudia lo consiglia...
(leggi la cronaca dell'incontro con Cathy Haruf)
Perché: è un libri pieno di poesia, un autentico regalo di Kent alla moglie Cathy, una manifestazione di salvezza che viene dall'amore.
A chi: ai lettori che sono già stati a Holt, perdendosi e ritrovandosi tra le sue strade. Ma soprattutto a chi non c'è mai stato, per scoprire un luogo dall'anima americana ma capace di cristallizzare lo spazio in un frammento di eterno.

Valentina lo consiglia...
(leggi la recensione)
Perchè: un libro intenso, per riscoprire la gioia della condivisione.
A chi: sta cercando un posto nel mondo, per capire che il primo luogo da scoprire è il proprio cuore.

Debora consiglia...
"Shotgun Lovesongs" di Nickolas Butler (Marsilio)
(qui trovi la recensione; leggi l'intervista)
Perché: da poco tornato in libreria con Il cuore degli uomini (prestissimo la recensione), rileggiamo questo primo, bellissimo, romanzo che è un inno all'amicizia maschile, alla natura, alla vita semplice. Storia di uomini ed inaspettata poesia, in un romanzo lirico e struggente.
A chi sogna l'America rurale, i cieli sconfinati del Wisconsin. Ai nostalgici, ai sognatori. A chi crede nel potere dell'amicizia, nonostante tutto. A chi se n'è andato, a chi ha scelto di tornare.

Gloria consiglia...
"Se mi tornassi questa sera accanto" di Carmen Pellegrino (Giunti)
(leggi la recensione)
Perché: ci sono affetti che si sanno raccontare solo a distanza, attraverso le parole di una lettera e i ricordi che, condivisi e rimasticati, assumono tutta la forza della condivisione.
A chi: ai lettori che fanno del passato non un motivo di trionfo né di vanto, ma un terreno viscido su cui a volte è però necessario arpionarsi, a qualunque costo. 

0 commenti: