venerdì 11 settembre 2020

La Roma sparita di Laudovino De Sanctis nell'ultimo romanzo di Aurelio Picca



Il più grande criminale di Roma è stato amico mio
di Aurelio Picca
Bompiani, 2020


pp. 256
€ 17,00 (cartaceo)
€ 9,99 (ebook)

 

Non mi sono mai sposato. Non ho figli. Anzi, molto giovane mi nacque una bambina. Di figli avrei potuto averne molti. Però le donne hanno abortito. (p. 11)

 Dopo aver terminato questo romanzo, non ho potuto fare a meno di cercare l’autore su Google e YouTube. Mi sono goduto un paio di interviste in cui Aurelio Picca parlava di quello che sembra essere il suo argomento preferito – che un po’ è anche il mio, e infatti non ho esitato a gettarmi a capofitto in questa lettura – vale a dire la città di Roma. Roma che, con la sua storia infinita, il suo passato glorioso e il suo presente meno memorabile, resta un sogno per tutti, anche se a volte è un incubo per chi ci vive.

Ebbene in quelle due interviste era palpabile nelle parole e negli sguardi di Picca tutto l’amore e l’odio che quest’uomo prova per questa città. Un amore sconfinato per le vie maestose del centro, ma anche per i vicoli delle periferie; un odio smisurato per le condizioni in cui, secondo lui, versa la Città eterna.

Quello stesso amore e quello stesso odio sono rinvenibili nel suo ultimo romanzo. L’amore, questo sentimento potentissimo e ingovernabile, si mescola in ogni singola pagina con un altro sentimento altrettanto potente e altrettanto dominante, ossia la nostalgia. La Roma di cui parla Picca è una “Roma sparita”: l’autore stesso accenna a quei quadri che ogni tanto si trovano negli androni nei palazzi, nei negozietti del centro, nei ristoranti, che ritraggono una fontana di Trevi, una piazza Navona, una via dei Fori Imperiali colme di carretti, mendicanti e bambini intenti a divertirsi con giochi appartenenti a un altro mondo.

La sua nostalgia è qualcosa di compassionevole, di patetico nel senso originario del termine, in grado di smuovere anche gli animi più aspri. È la consapevolezza di amare qualcosa che non esiste più, non nel modo in cui lo si è vissuto. È, al contempo, una nostalgia legata alla gioventù, a un passato che, per quanto recente, non tornerà. E non importa se la Roma degli anni settanta e ottanta è stata anche – soprattutto, dal punto di vista di Picca – una Roma criminale, terra di bande e batterie che ovunque, dai Parioli a Ostia, smerciavano eroina e corrompevano politici. Alfredo Braschi, alter ego letterario di Aurelio Picca, ha vissuto in quella Roma. La ferocia del "più grande criminale di Roma", Laudovino De Sanctis detto Lallo lo Zoppo, che da nessuno si faceva chiamare Lalletto se non dal suo amico Alfredo, fa parte del fascino di questa città. D’altronde, come negare che anche l’Impero romano, a suo tempo, sia stato fondato e abbia visto il proprio massimo fulgore col sangue dei nemici di Roma?

Alfredo Braschi non si arrende all’avanzare dei tempi. Preferisce utilizzare termini ormai in disuso (e italianissimi) al posto del nuovo slang da social network, e vestire come si faceva prima. Anche i pochi amici superstiti sono gli stessi della gioventù. Vive, insomma, veramente in una Roma sparita.

Inutile dire che il punto centrale del libro di Picca non è il presente: la massima parte delle pagine è rivolta alla Roma di Laudovino De Sanctis, ai suoi crimini, alle lotte per la salvezza, alle aule del Tribunale. Pochissimo spazio resta per i giorni attuali, per quella vendetta che, in incipit come in chiusura, avrebbe dovuto invece essere il motore dell’azione. Il presente è solo un ricordo, l’ultimo canto di un cigno che ha perso le piume e fatica a restare a galla.

La vendetta, l’odio, il rancore: tutte queste cose così attuali, così vicine, sono nulla in confronto ai giorni perduti, lontani eppure scintillanti. Allora, in definitiva, meglio non parlarne. Meglio tacere.


David Valentini

Visualizza questo post su Instagram

Alfredo Braschi, alter ego dello scrittore Aurelio Picca, vive in una Roma sparita. Nella Roma degli anni settanta e ottanta, fatta di sogni e gioventù, di opportunità e sguardi al futuro, ma anche di droga, prostituzione e criminalità. Il suo migliore amico - suo mentore e secondo padre - è Laudovino De Sanctis, detto Lallo lo Zoppo, "il più grande criminale di Roma". Cosa ne è di quella Roma da sogno? Cosa ne è di quella Roma da incubo? Qual è, oggi, l'orizzonte di Alfredo Braschi? Di questo libro feroce e passionale ci parlerà a breve il nostro @darvax. @libribompiani #libri #books #instabooks #bookstagram #lettura #inlettura #reading #nowreading #bookshelf #bookporn #bookreading #booksofinstagram #igersitalia #iger #snapseed #libridaleggere #librichepassione #booklover #bookreader #criticaletteraria #romanzo #Roma #Bompiani #AurelioPicca

Un post condiviso da CriticaLetteraria.org (@criticaletteraria) in data: