domenica 23 settembre 2012

Pillole di Autore - Raffaello Baldini




Adès, tratta da Ciacri
Abbiamo avuto modo di appassionarci alla poesia dialettale di Raffaello Baldini (1924-2005) con la lettura della raccolta einaudiana delle tre raccolte La nàiva, Furistìr, Ciacri (2000, leggi qui la recensione), che tracciano il percorso poetico fino a Intercity (2003). Nell'ultima raccolta del poeta di Santarcangelo di Romagna, i temi grotteschi nei ritratti sociali, pregni di un'ironia mai leggera e priva di risvolti amari, sono adombrati dal senso incombente della morte, legato all'invecchiamento del poeta. Come in tanti poeti dei primi anni Duemila, il pensiero della morte è spesso reinterpretato metaforicamente come viaggio, da compiersi in un dialogo continuo con i cari defunti (si pensi, ad esempio, già a La spiaggia di Vittorio Sereni); sceglieremo, in tal senso, di leggere la poesia Adès.
Proprio come in Sereni, anche Baldini sceglie di posizionare in chiusura d'opera la poesia che meglio riassume questo incombere della fine, poesia che dà il titolo alla raccolta eponima: Intercity. Non un treno qualunque, ma il più rapido conosciuto nei primi anni del Duemila: dunque, una morte che giunge in fretta, inesorabile, e rapisce con il proprio bagaglio da portar giù, dopo i saluti estremi.

In tutta la produzione resta intoccata la leggerezza ritmica, piacevolissima, che fa del dialetto romagnolo non solo uno strumento linguistico ma una marca forte della personalità dell'autore, una scelta consapevole continuamente riaffermata negli anni, per quanto nelle ultime raccolte si intensifichi la commistione con l'italiano, in rispondenza con l'intreccio costante con la modernità e la tecnologia nella vita quotidiana.

----------------------
Edizioni di riferimento:
     Raffaello Baldini, La nàiva, Furistìr, Ciacri, Einaudi, Torino 2000
     Raffaello Baldini, Intercity, Einaudi, Torino 2003


Da Furistìr:

Bèla

La tòurna d'ogni tènt, par la su mà,
la sta poch, du tri dè, la n scapa mai,
mè pu a so sémpra fura.
A la ò incòuntra par chès, tla farmacéa,
"Mo quan'èll ch'a n s'avdémm?",
la m'è pèrsa piò znina,
"T'è i cavéll chéurt", ch'la i éva longh, sal spali,
la à céus i occ: "Ta t'arcord di me cavéll?"

Vinicio u i éva fat una pasiòun.
E li gnént. Sa chi occ véird e e' maiòun zal.
U i era ènca andè dri Lele Guarnieri,
e la dmènga l'avnéva da Ceséina
a balè un biònd s'una Giulietta sprint.
Mè, la era tròpa bèla, a n m'arisghéva.

Dop a la ò cumpagnèda fina chèsa,
la à vért, ò détt: "Cs'èll ch'avrébb paghè 'lòura
par no purtè i ucèl!",
la à ridéu: "A s'avdémm fr'agli èlt vint'an",
pu da e' purtòun custèd, préima da céud,
la m'à guèrs: "Ta m piesévi",
senza réid, "Quanti nòti a t'ò insugné!".

Traduzione:
Torna ogni tanto, per sua madre, | sta poco, due tre giorni, non esce mai, | io poi sono sempre fuori. L'ho incontrata per caso, in farmacia, | "Ma quant'è che non ci vediamo?", | mi è sembrata più piccola, | "Hai i capelli corti", che li aveva lunghi, sulle spalle, | ha chiuso gli occhi: "Ti ricordi dei miei capelli?" || Vinicio ci aveva fatto una passione. | E lei niente. Con quegli occhi verdi e il maglione giallo. | Le aveva fatto la corte anche Lele Guarnieri, | e la domenica veniva da Cesena | a ballare un biondo con una Giulietta spint. | Io, era troppo bella, non m'arrischiavo. || Dopo l'ho accompagnata fino a casa, | ha aperto, ho detto: "Cosa avrei pagato allora | per non portare gli occhiali!", | ha riso: "Ci vediamo fra altri vent'anni", | poi dal portone accostato, prima di chiudere, | m'ha guardato: "Mi piacevi" | senza ridere, "quante notti t'ho sognato!".

*****

Da Ciacri
*****


Da Intercity:

Intercity

Guglielmo, t si di nóst? che mè, sgònd mè,
i chin fè un bis, amo, dò ch'i la mètt 
tótt' sta zénta? no, e' bigliètt a l'ò fat,
a l'ò fat ir, a stagh d'aspitè Gino,
cumè, sl'Esprès, du vét sl'Eprès? l'Esprès
è il vecchio acelerato,
i i à sno cambiè nóm, ta n'aréiv mai,
e' férma dimpartótt, 
néun andémm sl'Intercity,
zért, e' gòsta un pò 'd piò, u i è e' suplemént,
chi t l'à détt sno la préima? u i e' 'nch' la sgònda,
ò e' bigliètt, ta l vu vdài? [...]

Traduzione:
Guglielmo, sei dei nostri? che io, secondo me, | devono fare un bis, e beh, dove la mettono | tutta 'sta gente? no, il biglietto l'ho fatto, | l'ho fatto ieri, aspetto Gino, | come, con l'Espresso, dove vai con l'Espresso? l'Espresso | è il vecchio accelerato, | gli hanno solo cambiato nome, non arrivi mai, | ferma dappertutto, | noi andiamo con l'Intercity, | certo, costa un po' di più, c'è il supplemento, | chi te l'ha detto solo la prima? c'è anche la seconda, | ho il biglietto, lo vuoi vedere? [...]

òrca, l'è l'éultum, l'è l'ultum vagçun,
a so rivat i nchèva, e u n gn'è niséun,
quèsta la è bèla,
controlore! u n gn'è gnénca e' controlòur?
pu sti lómm bló, mèi zènd, no, no, l'è pézz,
tótt svéit, e' fa impresiòun,
però e' vagòun pustèl, emènch alè
u i sarà qualcadéun, dài, marcia indietro,

carozza 6, quèll l'è e' mi pòst, avènti,
svéit ènca quèst, svéit, svéit, e aqué u n s va invéll,
l'è céus, mo e' controlòur,
a so pas tótt e' treno, u n gn'è, ch'i è déu,
i à da ès déu, u i è ènca e' capotreno,
e quèll ch'e' vènd al bébiti?
e e' vagòun ristorènt? che sl'Intercity
ch'ò fat tènt ad chi viàz in treno, mo
'na roba acsè, mè, l'è la préima vólta,
cs'èll ch'e' sarà suzèst? 'na sgrèzia no,
a sémm partì in urèri, ò guèrs l'arlózz,
e' treno e' va, enca tròp, 
che s'e' farméss, d'arvì un spurtèl, dmandè,
mo quèst, t'é voia, 
che quant a so mòunt sò, dis minéut fa,
véint minut fa, quant'èll?
[...]
dò ch'i è 'ndè tótt?
i è méunt e pu i è sméunt?
i à sbaiè treno? tótt? o i à sbaiè
ma la staziòun? mo cmè ch'u s fa a sbaiè?
l'è un Intercity, quèst, u n'è un Esprès, 
ch' l'era pin 'd zénta sa che marciapì,
a sérmi una fiumèna, e' chèpstaziòun
a Rémin, a n'e' so, u n s'è incórt ad gnént?
e gnénca i machinésta?
mo al ferovéi, a déggh, al ferovéi,
ò capéi, la disorganizaziòun,
porca putèna, mo cma pòl suzéd?
quèst l'è una roba che,
i è dvént tótt mat? un treno sno par mè?

Traduzione:
orca, è l'ultimo, è l'ultimo vagone, | sono arrivato in fondo, e non c'è nessuno, | questa è bella, | controllore! non c'è neanche il controllore? | poi queste luci blu, meglio accendere, no, no, è peggio, | tutto vuoto, fa impressione, | però il vagone postale, almeno lì | ci sarà qualcuno, dài, marcia indietro, || carrozza 6, quello è il mio posto, avanti, | vuoto anche questo, vuoto, vuoto, e qui non si va da nessuna parte, | è chiuso, ma il controllore, | ho passato tutto il treno, non c'è, che sono due, | devono essere due, c'è anche il capotreno, | e quello che vende le bibite? | e il vagone ristorante? che sull'Intercity | ci dev'essere, e come, ma ve' che roba, | che ho fatto tanti di quei viaggi in treno, ma | una roba così, io, è la prima volta, | cosa sarà successo? una disgrazia no, | siamo partiti in orario, ho guardato l'orologio, | il treno va, anche troppo, | che se fermasse, da aprire uno sportello, domandare, | ma questo, hai voglia, | che quando sono salito, dieci minuti fa, | venti minuti fa, quant'è? | e da sotto Martino | mi ha allungato la valigia e la bisaccia, | ho fatto fatica ad aprirmi il passo, la gente, | tutti ammucchiati, o me lo sono sognato? | neanche mezz'ora fa, dove sono andati tutti? | sono saliti e poi sono scesi? | hanno sbagliato treno? tutti? o hanno sbagliato | alla stazione? ma come si fa a sbagliare? | è un Intercity, questo, non è un Espresso, | che era pieno di gente su quel marciapiede, | eravamo una fiumana, il capostazione | a Rimini, non so, non s'è accorto di niente? | e neanche i macchinisti? | ma le ferrovie, dico, le ferrovie, | ho capito, la disorganizzazione, | porca puttana, ma come può succedere, | questa è una roba che, | sono diventati tutti matti? un treno solo per me?


-----------
Nota introduttiva e selezione testi a cura di Gloria M. Ghioni


0 commenti: