giovedì 10 novembre 2016

"Preparativi per la prossima vita": una storia d'amore contemporanea e crudele

Preparativi per la prossima vita
di Atticus Lish
Rizzoli, 2016

Traduzione di A. Cristofori

560 pp.
20 




Crudo, essenziale, violento, emotivamente dirompente: l’esordio letterario di Atticus Lish è un pugno nello stomaco che ha la forza di raccontare con forza e lirismo l’ineluttabilità di due vite ai margini. Il New York Times ha descritto Preparativi per la prossima vita come «la storia d’amore più delicata e meno sentimentale dell’ultimo decennio»; descrizione azzeccata se si considerano il plot e l’atmosfera di questo bel romanzo americano regalatoci, dopo cinque anni di lavoro, da un uomo che a 43 anni riesce a dare alle stampe un lavoro denso di pathos e per nulla banale.

Un romanzo americano, si diceva. Già, perché la matrice geografica di Preparation for the Next Life – negli Stati Uniti uscito nel 2014 per una piccola e coraggiosa casa editrice, Tyrant Books – è l’altra cifra stilistica di un testo che iscrive con dolce irruenza la storia di due giovani, Zou Lei e Brad Skinner, in una New York che è una Babele di dolore, caos urbano ed emarginazione. Una New York lontana anni luce dallo scintillio un po’ yuppie e dall'entusiasmo raccontati da una certa letteratura, ma che al contrario riproduce molto bene l’idea di una trappola metropolitana post 11 settembre.


A parte alcuni flashback che ci conducono direttamente nella Cina settentrionale e in Iraq, dove si svolgono rispettivamente l'infanzia di Zou Lei e la missione di Skinner, la narrazione del romanzo di Lish si svolge nella Grande Mela, nel quartiere multietnico di Flushing (Queens), tra interni scuri e sordidi ed esterni dove predomina un caos multiforme di insegne colorate, l'odore acre dei vicoli, il brusio attutito della metropolitana, i graffiti, le abitudini e i costumi di un’umanità eterogenea proveniente da ogni angolo della terra.

Zou Lei è un’immigrata clandestina entrata in America attraverso il confine messicano. Musulmana, per metà cinese-han, per metà uigura, ha trascorso l’infanzia nella polvere dei deserti del nord della Cina, ha perso il papà in guerra e ha la determinazione di una giovane donna che non desidera altro che costruirsi una vita nel modo più onesto possibile: lavorando. Brad Skinner è invece un reduce del conflitto iracheno, un ragazzo che ha provato a emanciparsi da un passato di incertezza attraverso l’arruolamento e che ora si trova a dover fare i conti con le conseguenze più subdole e dolorose lasciategli dalle esperienze al fronte. Cicatrici sulla pelle e cicatrici nella mente. Il congedo anticipato ha restituito Skinner al suo paese di origine ma la sua è un’esistenza di ansie, paure, medicine, tormenti e stati allucinatori.

Pizzicata dalla polizia in quanto irregolare, Zou Lei si è fatta alcuni mesi di prigione, toccando con mano le conseguenze del Patrioct Act. Terminata la detenzione, eccola a New York, la città «dov’erano tutti clandestini come lei, si sarebbe persa nella folla e avrebbe tenuto la testa bassa. Non le importava di vivere come gli americani. Le bastava di essere libera e per la strada. Preferiva le truffe, la tubercolosi, l’affollamento. Sapeva cavarsela». Zou Lei è una lavoratrice e corre, adora la corsa, una corsa che l'aiuta a tenersi in forma e a scrollarsi di dosso i pensieri. Anche Skinner è a New York da clandestino, un clandestino di sé stesso alla ricerca di qualcosa, qualcuno che lo aiuti a dimenticare l’inferno di piombo cui ha preso parte. L’incontro tra Zou Lei e Skinner sarà un incontro tenero di due solitudini, la sintesi fragile e ostinata di due vite ai margini, una fusione in lega di due metalli preziosi destinata però irrimediabilmente a sfaldarsi.

Preparativi per la prossima vita è un romanzo che tiene il lettore avvinghiato alla pagina e al respiro dei personaggi. Attraverso lo stile scarno e avvolgente di Lish traspaiono la complessità della relazione tra i protagonisti e il magma urbano di una New York che ricorda le atmosfere di Blade Runner. Il parlato di Zou Lei, un inglese stentato di chi si affaccia per la prima volta in un paese lontano (ottima la resa in italiano grazie alla traduzione di Alberto Cristofori) accresce il realismo di un romanzo che ha anche un valore politico. Un romanzo che sa essere lieve senza scivolare nello zucchero; un romanzo articolato, complesso ma non di maniera.

Si legge tutto d’un fiato l'esordio di Lish ma – un po’ per la materia trattata, un po’ per il modo in cui la si tratta – anche il lettore più accanito avrà bisogno di pause di riflessione, attimi di sospensione durante i quali si ha come il bisogno di distogliere gli occhi dalla pagina, forse per digerire, forse per visualizzare la paura, la violenza, il sacrificio, la tenerezza di queste vite così ostinate e allo stesso tempo così fragili. Esistenze che, a pensarci bene, sono parte integrante del percorso di ognuno di noi. 

Vincenzo Sori

1 commenti:

Custom essay writing service

It' actually a great and helpful piece of information. I am glad that you shared this helpful information with us. Please stay us up to date like this. Thank you for sharing. Wonderful blog has been shared by you keep posting more like this.