mercoledì 12 marzo 2014

#Scrittori In Ascolto - L'età dell'estremismo, Belpoliti e il punto di vista estetico dell'uomo sul mondo

La presentazione dell’ultimo libro di Marco Belpoliti, tenutasi lunedì 10 marzo alla Feltrinelli di piazza Duomo a Milano ha avuto come tema principale il punto di vista estetico con cui l’essere umano spesso, forse troppo o forse troppo poco, guarda, quindi giudica, l’evolversi del mondo, lo svolgimento ordinario ned extra ordinario degli accadimenti e di ciò che lo circonda.

Viviamo sotto la minaccia continua di due prospettive egualmente spaventose, anche se apparentemente opposte: la banalità ininterrotta e un terrore inconcepibile. Susan Sontag lo scriveva nel 1965, ma quasi cinquant’anni dopo le cose non sono cambiate. Al contrario, ogni giorno ci dispensa dosi massicce tanto di banalità quanto di terrore: dal kitsch televisivo e politico alla fantascienza catastrofica che trionfa al cinema, dalle devastazioni di Cernobyl’ e Fukushima alle tragedie delle Torri gemelle e di Bali.

Così L’età dell’ Estremismo (Guanda, 15,30 euro) si presenta al lettore. Così Belpoliti ci incuriosisce ci spinge all'incontro/scontro con una realtà agghiacciante ma esteticamente attraente in virtù della sua drammaticità.

“Scrivere questo libro è stato difficile. Gran parte di quello che viene raccontato, è stato trascritto e tradotto a partire dalle parole di altre persone che, pertanto, sono state tradotte in forma prosaica, forse l’unica forma in grado di trasferire sul piano della lettura il piacere che si prova nel guardare qualcosa che scorre, il piacere leggero che si avverte quando si guarda l’acqua di un fiume che scorre…”

Un libro che scorre, dunque, sul filo dell’estremismo inteso senza declinazioni, al singolare  come fenomeno che tutti crediamo di conoscere, come dinamica che l’uomo è in grado di vedere solo negli altri e nell'altro ma che, di fatto, domina il nostro quotidiano.

Anche nella verità della nostra vita, come ad esempio nella verità e nella profondità dell’arte, si cela qualcosa di estremo; questo libro ha come obiettivo quello di spingerci a guardare nell'estremismo della vita umana, dall'esterno, per consentirci di trasformare il nostro punto di vista estetico, in giudizio sostanziale in insegnamento morale, in ammonimento.

È un po’ quello accadeva, e che accade, se si pensa all'età medievale: un’epoca buia, dominata dal senso cupo della religione, ma invasa, al contempo, da un dominio estetico di natura altrettanto religiosa che in trasmette una sorta di istinto alla rivolta. Quella stessa rivolta che, nella sua istantaneità, si traduce in performance estetica, in messa in scena, in dinamica teatrale. Quel momento in cui i rivoltosi si sentono padroni del mondo, padroni del tempo, dotati di un potere distruttivo che attrae la vista dell'uomo, al pari delle cattedrali del Medioevo: un culmine di estetismo che dietro di sé, nasconde solo cenere. 

0 commenti: