venerdì 21 marzo 2014

Adelante: il romanzo d'esordio di Silvia Noli


Adelante di Silvia Noli
Fazi
pp. 268
14 Euro





Sarà perché ci sente un po’ come la protagonista, tra storie finite, nuovi posti di lavoro e traslochi vari, ma Adelante, il romanzo d’esordio della genovese Silvia Noli, è un libro che sembra riuscire a donare un po’ comprensione, un po’ sollievo. Non a caso, se son cozze si apriranno si legge nell'epigrafe.
Sono pagine quasi comiche se si prova ad immaginare la giovane protagonista catapultata da un lavoro all’altro, dalla rappresentante di surgelati alla baby sitter di un bambino autistico alla massaggiatrice e tanti amori impossibili. Per non parlare delle case cambiate di continuo: l’appartamento di Mario l’argentino nel centro storico, un attico, un bed&breakfast, i vari alloggi  in cui condivide disgrazie con Silvestro il siciliano .
Ma c’è anche tanta ironia in Adelante, quell’ironia che serve a sdrammatizzare i momenti più dolorosi provando a riderci su anche quando le cose iniziano davvero a mettersi male.
C’è una situazione familiare dalla quale ci si cerca di liberare, l’urgenza di un lavoro senza poter contare su nessuno, l’instabilità emotiva, i problemi alimentari, il freddo, una malattia. Un ritratto che, nonostante il piacere di queste pagine, riesce a far sentire che cosa si provi davvero a doversela cavare da soli. Sensazioni che forse non tutti conoscono sul serio malgrado la tendenza a rispecchiarsi nelle vicende della protagonista. 



Adelante, Rossa Consuelo! Sempre avanti e quando la buriana sembra passata arriva il bisogno di capire. E chissà che l’esperimento di riappacificarsi con se stessi non sia riuscito. Il romanzo è infatti un viaggio a ritroso della protagonista allo scopo di dare un senso e una collocazione al passato grazie all’aiuto di una psicologa, Daniela, che la sprona a scrivere e scrivere fino a che le parole si fanno sempre più leggere e la rabbia si plachi
Il romanzo di Silvia Noli invita ad affrontare la vita respirando passo dopo passo non risparmiando la durezza che ogni prova da sostenere, ogni traguardo da raggiungere, ogni sogno in cui credere portano con sé.
E intanto che scrivevo un po’ ho lasciato andare, un po’ mi sono guardata intorno (‘azzo quanti siamo), e ci ho messo così tanto a concludere perché avevo paura.E perché, abbiamo detto, quando si abbandona una storia, un modo d’essere, una veste, si soffre sempre per via dell’attaccamento. Ci si attacca al dolore.Il dolore è un ottimo paraculo, e sguazzare nel solito brodo è una manna per chi non ha il coraggio di cambiare e preferisce sempre dare la colpa agli altri, alla storia, al destino. Tipo io. Che mi arrabatto perché ho paura. Che non faccio ciò che mi piace perché ho paura. Che non so amare perché ho paura. Che mi stringo addosso il peso del passato perché ho paura di essere leggera, e quindi libera [...]


1 commenti:

MD. ALMAN MAHAMUD NAIM

Thanks for the tips! They were really helpful!

creazione sito web