venerdì 8 marzo 2013

Ho un cervello sotto il velo! – Il punto di vista delle donne musulmane

Ho un cervello sotto il velo! – Il punto di vista delle donne musulmane
di Nadia Zatti

Cavinato Editore International, 2013
61 pp.


In un momento storico come quello che stiamo attualmente vivendo, sull’onda di un diffuso populismo che rinfocola i pregiudizi su tutto ciò che viene percepito come diverso, questo libro desidera porre fine ai numerosi luoghi comuni, spesso duri a morire, che vorrebbero imporci in qualche modo di conformarci ai vecchi stereotipi, esortandoci invece ad aprirci all’altro, per comprenderlo senza giudicarlo.
Amina, una studentessa di origini marocchine, che vive in Italia da circa vent’anni, si dichiara fiera di indossare il velo anche quando cammina per strada, in nome di una sua libera scelta che la rende serena e impermeabile agli altrui giudizi e pregiudizi poiché “ quando una persona sta bene con se stessa, sta bene anche con gli altri.” Nel caso di Amina, la serenità scaturisce dalla consapevolezza di avere un cervello sotto il velo. Camminando lungo le strade delle nostre città, capita spesso di incontrare delle donne velate, che la nostra cultura occidentale ci spinge spesso – erroneamente – a considerare sottomesse all’uomo e prigioniere di una civiltà arretrata. A causa di un’immagine distorta veicolata dai mass-media, la donna velata ha finito per tramutarsi in una sorta di simulacro associato a una presunta “pericolosità” del mondo islamico, specie dopo gli attentati dell’11 settembre 2001.
In realtà, le donne che si vedono costrette a indossare il velo, a causa delle forti pressioni esercitate dalla famiglia e della comunità religiosa in cui vivono, rappresentano una sparuta minoranza, come sottolinea mirabilmente questo libro, che intende dar voce a quelle donne musulmane, permettendo loro di spiegarci le motivazioni più autentiche alla base delle loro scelte, per contribuire al rafforzamento di quel dialogo interculturale, dal quale non si può prescindere per poter solcare il cammino della comprensione più vera, che è scevra da qualunque preconcetto.
In Europa vivono 16.000.000 di musulmani, un numero destinato peraltro a crescere, non solo sulla scorta delle ondate migratorie che si susseguono periodicamente, ma anche per la presenza delle cosiddette seconde generazioni di immigrati, che stanno contribuendo alla creazione di un Islam “transnazionale”, complice anche l’utilizzo di Internet e dei social network. Questo fenomeno favorisce il confronto con altre compagini spirituali, che finisce giocoforza per “democratizzare” la cultura islamica. Ci troviamo dunque al cospetto di una religione in continua evoluzione, che reinterpreta i suoi principi fondamentali ispirandosi ai nuovi cambiamenti del XXI° secolo, integrandoli alla nuova identità dei figli degli immigrati.
A questo punto si innestano i quesiti che delineano il tema portante sviscerato nel libro: quali sono le correnti di pensiero dell’Islam moderno? E per quale motivo alcune donne decidono di indossare il velo, e altre no?
Tanto per cominciare, occorre operare una distinzione fra le varie tipologie di velo, perché forse non tutti sanno che i veli e i modi di indossarli cambiano in funzione delle interpretazioni dei testi sacri, della zona geografica di provenienza delle donne e dei loro gusti personali. L’hijab è un foulard che copre le orecchie, il capo e il collo lasciando scoperto il viso, mentre il khimar copre i capelli, il collo e il petto. Lo chador, di colore nero, imposto in Iran dopo la rivoluzione islamica del 1979, avvolge tutto il corpo, lasciando scoperto il viso. Il niqab, tipico dell’Arabia Saudita, copre il viso lasciando liberi solo gli occhi, a differenza del burqa, che avvolge tutto il corpo dalla testa ai piedi, ed è traforato all’altezza degli occhi per dare la possibilità di vedere. Esistono anche moltissimi altri tipi di velo, che riflettono la personalità della donna che lo indossa, le sue scelte e i valori religiosi in cui crede.
La donna, che sceglie liberamente di indossare il velo, trova una sua giustificazione anche nel femminismo islamico, che si propone di riformare le leggi patriarcali, in base al principio secondo cui il Corano e la Sunna non predicano la sottomissione della donna all’uomo, ma garantiscono la sua libertà.
Ciononostante, occorre sottolineare come l’uso del velo sia tornato prepotentemente in auge solo a partire dagli anni Settanta del secolo scorso, anche se alcuni paesi come la Turchia, l’Iran e la Tunisia avevano decretato l’abolizione del velo come segno di modernizzazione.
In Francia, Paese fortemente laico, la polemica sul velo è divampata con prepotenza nel 1989, ed è culminata con una legge del 2004 che vieta l’uso di qualsiasi segno religioso ostentatorio, seguita da una legge del 2011 che proibisce di indossare il niqab e il burqa nei luoghi pubblici. Qualcuno ha voluto ravvisarvi una nota di malcelato razzismo, benché diverse compagini musulmane siano favorevoli a queste leggi. In Italia, le polemiche sul velo sono perlopiù di ispirazione xenofoba, e a tratti strumentalizzate da alcuni schieramenti del centro-destra, che si appellano alla volontà di liberare le donne musulmane da una presunta schiavitù imposta loro da padri e mariti. In realtà, come si evince dalle dichiarazioni rilasciate dalle donne intervistate nel libro, quella di indossare il velo corrisponde ad una loro libera scelta. Queste donne, che risiedono a Brescia e provincia, hanno un livello culturale medio-alto, e sono spesso impegnate socialmente sia all’interno della comunità islamica sia nella società in cui vivono. Indossano il velo per libera scelta, sfidando coraggiosamente le critiche e i giudizi malevoli di molti concittadini di fede cattolica. Per Amina, così come per molte altre donne, il velo permette loro di differenziarsi dalle scelte di alcune donne occidentali che utilizzano il corpo per raggiungere i loro obiettivi, o anche per accrescere una fragile autostima che fa leva solo ed esclusivamente sull’apparenza a detrimento di una conoscenza più profonda di sé. Molti uomini musulmani come Issam, un medico radiologo che vive a Brescia, ritengono che indossare il velo debba scaturire da una libera scelta, pena il rischio di cadere nell’ipocrisia, che è di gran lunga peggiore della miscredenza. Le nuove generazioni di musulmani, nati e cresciuti in Italia, potrebbero contribuire a sciogliere i pregiudizi attraverso l’interazione, sin dall’età scolare, con i loro coetanei di fede cattolica, ma anche attraverso il dialogo interreligioso promosso da alcune menti “illuminate” come quella di don Fabio Corazzina, parroco e insegnante di religione. Insomma, anche se c’è ancora un lungo sentiero da percorrere prima di approdare alla vera integrazione, questo libro ci invita ad aprirci fiduciosamente al dialogo e all’ascolto di chi non rappresenta un pericolo, bensì è semplicemente diverso da noi.

3 commenti:

chenlina

chenlina20160530
coach factory outlet
nike uk
cheap ray ban sunglasses
authentic louis vuitton handbags
ray ban sunglasses
fitflops
coach outlet store online
replica watches
nike trainers uk
louis vuitton outlet
christian louboutin outlet
polo ralph lauren
jeremy scott shoes
cheap jordan shoes
hollister kids
michael kors outlet
nike outlet
basketball shoes
michael kors uk
toms shoes
coach factory outlet
christian louboutin shoes
louis vuitton outlet
louis vuitton outlet
oakley sunglasses
louis vuitton
louis vuitton handbags
coach outlet
michael kors outlet
christian louboutin shoes
adidas nmd
ralph lauren
nike air max
cheap oakley sunglasses
vans shoes sale
louis vuitton
michael kors handbags
cheap jordans
toms outlet
jordan retro
as

Gege Dai

babyliss flat iron
nike outlet
true religion jeans
salomon shoes
louis vuitton sunglasses for women
tods outlet online
ralph lauren pas cher
kobe bryant shoes
ralph lauren pas cher
mulberry outlet
true religion jeans outlet
nike trainers
ugg outlet
michael kors outlet online
nike outlet store online
polo ralph lauren
michael kors outlet store
cheap nba jerseys
yeezy boost 350
coach outlet
ray ban sunglasses
jordan shoes
ferragamo outlet
michael kors factory outlet
juicy couture tracksuit
puma shoes
true religion outlet
tory burch outlet
ugg outlet online
ugg boots sale
michael kors handbags
tory burch outlet online
fitflops outlet sale
cheap uggs
christian louboutin shoes
nike huarache
coach outlet
0805jianxiang

Bahaya Dan Cara Mengobati Ginjal Bocor

Articles that are very interesting to read, hopefully provide benefits for many people

Obat Sembuhkan Sesak Nafas
Pengobatan Tuntaskan Penyakit Kudis
Pengobatan Atasi Dislokasi Sendi
Pengobatan Alternatif Untuk Mengangkat Miom