domenica 30 settembre 2012

#RileggiamoConVoi: torna l'autunno

Con la chiusura di settembre ci sarà davvero la fine di questa caldissima estate? Noi non crediamo, o almeno speriamo che tanti di voi possano ancora dedicarsi qualche lettura rubata sotto l'ombrellone. Dopo i consigli #Sottol'ombrellone, torniamo con il nostro consueto #RileggiamoConVoi, sperando di darvi qualche dritta per i primi pomeriggi di pioggia e le prime letture accanto al camino,


La Redazione

Ultima estate in Pianura Padana


Claudia consiglia...
"Le nausee di Darwin" di Giordano Boscolo 
Perché: è un libro originale per stile e trama, che si gusta pagina dopo pagina, sorridendo e riflettendo su una vicenda un po' paradossale (benché tragga spunto da una storia vera!). Si costruisce su dialoghi brillanti che non annoiano mai. 
A chi: soprattutto ai giovani ma, più in generale, a tutti coloro che cercano una lettura agile, godibile, divertente. Per concludere l'estate con quel pizzico di leggerezza che non guasta mai.  

Giulia consiglia...

"La strada" di Cormac McCarthy
Perchè: perchè  in questa favola nera fatta di desolazione, paura e grigi abbagliati, il sentimento di protezione del Padre verso il Bambino commuove ancora di più. Per gli scarni ed essenziali dialoghi, vero punto di forza della penna dell'autore, che rendono alla perfezione l'asprezza di un mondo post apocalittico.
A chi: Per tutti noi. A voler credere alle profezie Maya, la fine del mondo si sta avvicinando: speriamo che non ci riservi nulla di simile.

Gloria consiglia...
"Qualcosa di scritto" di Emanuele Trevi
(clicca qui per la recensione)
Perché: è un viaggio nella storia di Petrolio di Pasolini, ma è molto di più: sono storie di vita, del narratore-ricercatore e di personaggi conosciuti solo attraverso le parole di Pasolini stesso.
A chi: A chi ama scavare oltre la pagina scritta per scoprire sorprendentemente altra letteratura

Stefano consiglia...
"L'Antologia di Spoon River" di Edgar Lee Masters
(clicca qui per l'invito alla lettura)
Perché: per la profondità intellettuale, perché ognuno può incontrare un personaggio nella cui vita ritrovarsi.

A chi: a chi è incuriosito e affascinato dall'intrecciarsi delle vite passate dei personaggi

0 commenti: